Il Grand Hotel Duchi d’Aosta riapre e si rilancia: ora è boutique 5 stelle

13.09.2021 – 09.20 – Dopo essere scomparso dalla costellazione degli alberghi triestini, il Grand Hotel Duchi d’Aosta riappare con una stella in più: lo storico edificio infatti riaprirà dal 24 settembre nella categoria boutique a 5 stelle, salendo d’un astro in più rispetto alla gestione precedente.
Il cambio è stato possibile grazie alla riqualificazione delle camere e delle aree comuni interne, perseguita tramite un nuovo stile maggiormente contemporaneo.
Si tratta d’altronde di una partita facile da vincere per l’Hotel Duchi, essendo l’unico albergo affacciato su Piazza dell’Unità d’Italia che aveva già beneficiato, nel 2020, di una seconda stella Michelin per il ristorante al pianoterra, l’iconico Harry’s Piccolo.

Originariamente l’edificio era stato realizzato dall’ingegnere Eugenio Geiringer per le Assicurazioni Generali nel 1873, riempiendo un “vuoto” creatosi a seguito delle demolizioni di metà ottocento. La bella costruzione, con stile eclettico, divenne sede dell’Hotel Garni, lodato per “l’eleganza, pulitezza interna, ottimo servizio e mitezza di prezzi”. Successivamente diventerà l’Hotel Vanoli nel 1908 e nel 1973, dopo sofferenti vicissitudini legate al “secolo breve”, prenderà l’attuale nome di “Grand Hotel Duchi d’Aosta”. Le guide del Rotary lo descrivono come un albergo con “uno stile mitteleuropeo inconfondibile” sebbene ironicamente con un nome squisitamente “sabaudo”.

[z.s.]