22.6 C
Trieste
sabato, 2 Luglio 2022

Trieste, tema cabinovia, il “fronte del sì” si schiera contro la disinformazione

17.06.2022 – 20:20 – In risposta alla “street parade” organizzata dai membri del Comitato No Ovovia per dire no alla costruzione della futura Cabinovia Trieste-Carso la quale collegherà il cuore di Trieste con l’Altipiano Carsico, il “fronte del sì”, capitanato dalla Segretaria Provinciale di Azione, Daniela Rossetti, ha organizzato, seppur in tono più silenzioso e discreto, una contro iniziativa attraverso l’allestimento, tra la Via San Lazzaro e la Via Ponchielli, di un punto di incontro e di dibattito tra cittadini, politici e professionisti per dialogare tutti assieme circa i benefici che il progetto della cabinovia potrebbe portare alla mobilità cittadina di Trieste e dintorni e soprattutto mettere in luce alcune incongruenze tra la realtà dei fatti e i dati presentati dai tecnici incaricati dal fronte del “no” i quali, secondo il Fan Group della Cabinovia Metropolitana rappresenterebbero inesattezze nonchè causa di disinformazione. “Purtroppo la cattiva informazione degli ultimi mesi è stata un tratto distintivo che ha orientato le posizioni di molti cittadini di Trieste sulla cabinovia urbana – hanno dichiarato i membri del Fan Group – ipotesi sono state spacciate per informazioni e dati non corretti sono stati presentati come verità dal “Comitato NO Ovovia” con lo scopo di far percepire la cabinovia come un gigantesco flop economico e ambientale”. Al banchetto,  – hanno voluto sottolineare i membri del Fan Group, sono stati presenti sia liberi cittadini che rappresentanti di partiti e chiunque ha ritenuto che la buona informazione sia la base per potersi fare un’idea più precisa sull’opera”.

“Nonostante il corteo organizzato dal “fronte del no” – ha dichiarato Daniela Rossetti – come potete vedere c’è un bel movimento di persone anche qui. E’ giusto che il cittadino abbia voglia di informarsi da entrambi i punti di vista. Noi diamo un’informazione corretta ed oggettiva e le persone apprezzano questa cosa. Nulla toglie che via da noi possano recarsi anche ai banchetti del Comitato No Ovovia, come già successo a parti inverse”.

“Noi del “fronte del sì” ci siamo organizzati cercando di far trapelare un’informazione corretta – ha sottolineato Rossetti – poi ognuno è libero di scegliere se supportare o no il progetto e soprattutto di farsi una sua idea a riguardo. Fino ad oggi purtroppo informazioni integralmente corrette non sono mai state date e per questo abbiamo deciso di realizzare questo banchetto. Il nostro gruppo nasce su facebook e non è una cosa organizzata dal partito politico “Azione” o da un movimento. Ad ogni modo, da Segretaria di un partito che storicamente si batte per un approccio laico a tutte le questioni e per una corretta informazione, mi è sembrato opportuno dare una mano alla causa” – ha concluso Rossetti.

 

spot_img

Ultime notizie

Dello stesso autore