13.6 C
Trieste
lunedì, 3 Ottobre 2022

Trieste, partita nel centro la “street parade” contro la “Cabinovia Trieste-Carso”

17.06.2022 – E’ partito dalla Piazza Guglielmo Oberdan, a Trieste, il corteo organizzato dal “Comitato NO Ovovia”, per dire stop al progetto del Comune di Trieste per la realizzazione della futura “Cabinovia Trieste-Carso” in procinto di essere realizzata dal Municipio, grazie all’utilizzo di fondi europei per la mobilità sostenibile, la quale, secondo quanto previsto dal piano studiato da “Palazzo Cheba”, andrà a collegare il Porto Vecchio di Trieste con l’Altipiano Carsico in un punto ancora al vaglio dei tecnici il quale potrebbe essere ritrovato presso la località di Campo Romano o la Cattedrale di Montegrisa. La manifestazione, secondo quanto dichiarato dai vertici del Comitato, vuole essere una grande festa per la democrazia per chiedere a gran voce al Municipio un maggiore coinvolgimento dei triestini nelle questioni più importanti e strettamente collegate alla vita della cittadinanza; in questo caso, il Comitato desidera esprimere il proprio dissenso nei confronti di un progetto che, secondo i suoi membri, risulta essere ricco di “approssimazioni, carenze e fandonie che fanno del progetto un’ipotesi aleatoria, insostenibile dal punto di vista economico e ambientale ed inutile dal punto di vista trasportistico”. Il corteo, lasciata la Piazza Oberdan, si dirigerà in direzione Piazza dell’Unità d’Italia, passando per il tratto finale della Via Carducci, quindi Via Geppa, Via Roma, Piazza della Borsa, Via Einaudi e Piazza Verdi. Al termine della “street parade”, così come definita dagli organizzatori, avranno luogo all’ombra del Comune di Trieste alcuni interventi dei rappresentanti di gruppi ed associazioni vicini al Comitato.
La manifestazione, rappresentata alla partenza da circa un migliaio di persone è animata da una banda musicale e da canti popolari e gogliardici, supportati da un veicolo commerciale appositamente allestito per l’evento con amplificatori. Diversi gli striscioni e i cartelloni, alcuni con meme social e vignette i quali illustrano i motivi del no alla realizzazione del tanto vociferato impianto di risalita a fune. “Comprendiamo l’idea del Comune di trovare un nuovo metodo di accesso a nord della città di Trieste ma l’Ovovia non è la soluzione più adatta” – spiegano i manifestanti, “abito ad Opicina e con il bus raggiungo il centro il 15/20 minuti, l’Ovovia sarebbe inutile”, “l’Ovovia potrebbe essere un’attrattiva turistica, niente di più” – incalza un partecipante al corteo.
Sul posto, al seguito della manifestazione per mantenere l’ordine pubblico di una protesta che si preannuncia essere del tutto pacifica, quattro veicoli blindati della Polizia di Stato e due autopattuglie rispettivamente dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza. Sul posto anche il reparto motorizzato della Polizia Locale di Trieste per la gestione del traffico veicolare.
spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore