Croazia, novità ai confini: si può entrare subito dopo la seconda dose

14.06.2021 – 07.30 – Avete appena fatto la seconda dose di vaccino? Se volete viaggiare in Croazia, non c’è ragione di aspettare: l’unità di crisi per la lotta alla pandemia ha infatti tolto l’obbligo dei quattordici giorni di attesa post richiamo, solo superati i quali era possibile varcare il confine. Di conseguenza per chi ha ricevuto la seconda dose, indifferentemente dalla tipologia di vaccino anti Covid, l’ingresso è libero e immediato.
Un chiaro tentativo da parte del governo croato d’incentivare il turismo straniero dal quale dipende una consistente parte del Pil nazionale. La Croazia, che ancora fatica sul fronte delle somministrazioni dei vaccini ai propri cittadini, ha intanto allentato alcune delle residue misure anti Covid: i bar chiudono ora a mezzanotte, assieme a panetterie e casinò. Ritornano gli allenamenti nelle palestre, così come congressi e conferenze, pur nel rispetto delle misure anti Covid.

Come riporta La Voce del Popolo, il responsabile della Task force della Protezione civile nazionale, Davor Božinović, ha avvertito che occorre rimanere all’erta contro il Covid, evitando inutili rischi. Gli assembramenti tutt’oggi non possono superare i 100 partecipanti e gli stessi Europei di calcio rimangono sotto stretta sorveglianza da parte della Protezione Civile.

[z.s.]