La Giunta FVG approva in via definitiva la Legge di Stabilità 2021

13.11.2020 – 15.45 – Con l’approvazione in via definitiva della Giunta regionale, prosegue il percorso che porterà in Aula la Legge di Stabilità 2021, collegata alla manovra di bilancio 2021-2023 e al bilancio di previsione per gli anni 2021-2023. Tra i principali obiettivi dell’azione della Giunta, il rafforzamento del sostegno al lavoro e al comparto produttivo: “Stiamo lavorando in un quadro di grande incertezza con dati congiunturali molto preoccupanti per la chiusura del trimestre e per l’inizio del 2021” ha spiegato l’assessore alle Finanze Barbara Zilli. In particolare, attenzione è stata riservata agli investimenti pubblici quale leva per il comparto privato, e in quest’ottica s’inserisce una delle principali novità introdotte oggi, con l’inserimento nel triennio 2021-2023, di 132 milioni di euro per la concertazione con gli Enti locali, rispettivamente 22.685.107,61 euro per il 2021, 59.753.425,58 euro per il 2022 e 49.910.287,38 euro per il 2023, per opere pubbliche a beneficio dei territori.

Oltre alle macroposte già note, tra le altre novità introdotte, sul fronte portualità e logistica, 4 milioni di euro al porto di Trieste; 1 milione (150.000 euro per il 2021 e 850.000 euro per il 2022) al Comune di Gorizia per l’elettrificazione dei binari interni al terminal intermodale transfrontaliero di Gorizia, in gestione alla società Sdag S.p.A, al fine di consentire il collegamento dello stesso, su tratta elettrificata, con la linea ferroviaria Trieste-Gorizia-Udine-Venezia.
Ulteriori 3 milioni vengono poi destinati per le case di riposo per l’abbattimento delle rette e per l’ampliamento dei posti letto convenzionati nelle strutture già accreditate.
Sul fronte ambientale, invece, 3 milioni di euro vengono destinati per nuove opere di dragaggio.

Grande attenzione è stata inoltre posta per quanto concerne il tema della famiglia ed in particolare al favorire l’incremento della natalità, tramite il bonus dedicato pari a sei milioni di euro nel triennio, e l’incremento dell’importo della Carta acquisti a favore dei nuclei familiari in difficoltà che passa dagli attuali 120 euro a 140 euro a bimestre.
Per quanto riguarda il comparto culturale, è stato inserito l’ampliamento della platea di beneficiari per l’Art bonus e vengono previsti contributi per 380.000 euro agli Ecomusei per l’anno 2021 da utilizzarsi principalmente per sostenere le spese generali di funzionamento e attenuare quindi gli effetti delle possibili mancate entrate derivanti dall’emergenza in corso.

Infine, fra le novità introdotte, un contributo straordinario pari a 400mila euro al comune di Arta Terme per il completamento del polo termale ed un contributo pari a 600mila euro a favore del comune di Monfalcone per la riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate e per la ristrutturazione di alloggi Ater, in modo tale da evitare al Comune di perdere i finanziamenti statali previsti nel bando nazionale, a cui ha partecipato entrando in graduatoria, per la riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate.

[n.t.w]