Foto dal sito di Voltitalia

 22.01.2019 – 12.10 -Il ​25 gennaio alle ore 17.30 presso il Bar Knulp di Trieste, si terrà il primo incontro locale di ​”Volt“​, il nuovo movimento politico che si definisce “paneuropeo e progressista” e che punta alle elezioni europee di fine maggio 2019.

Il movimento, che conta ​30.000 membri in trentatré paesi europei​, mira infatti a candidarsi in almeno sette paesi dell’UE e ha come obiettivo quello di assicurare ​l’ingresso nel Parlamento europeo di venticinque deputati eletti ​il prossimo maggio. “Volt” al momento conta attivisti sparsi in tutti i paesi dell’Unione Europea ed è registrato come partito politico in Francia, Germania, Spagna, Italia, Olanda, Belgio, Svezia, Danimarca e Bulgaria.

L’incontro farà parte del tour che porterà i membri di “Volt” a visitare quante più comunità possibili, in preparazione del Congresso Nazionale, organizzato a Firenze il prossimo 2 e 3 febbraio. La tappa triestina del tour vedrà inoltre la partecipazione di Davide Zurlo, coordinatore regionale di Volt Italia.

Il movimento politico nasce nel 2017 dall’iniziativa di tre giovani europei: Andrea Venzon, Colombe Cahen-Salvador e Damian Boeselager, con l’obiettivo di creare un movimento in grado di rilanciare l’idea di Europa. Un partito quindi che si pone come transnazionale e che si definisce, come spiega il manifesto di Volt Europa – “Progressista perché guardiamo al progresso come l’unica via di uscita per rilanciare il Paese. Paneuropeo, perché siamo una forza unica con una direzione strategica continentale, poi declinata nei singoli stati.”​

“Sono tre le parole chiave per la nostra società e la nostra nazione: opportunità, diritti e democrazia” – afferma ​Andrea Venzon​, Presidente e Fondatore di Volt Europa – ​“Questo è il messaggio che porteremo con noi durante il nostro tour, ad ogni persona che incontreremo, disposta ad ascoltarci e volenterosa di portarci la propria testimonianza.”

[C.S]