10.4 C
Trieste
venerdì, 9 Dicembre 2022

Inaugurata oggi al Museo Revoltella la mostra sulla nuova pittura croata

05.07.2022 – 9.52 –  Dal 5 al 9 ottobre apre la mostra sulla pittura contemporanea croata, dal titolo Tra Figurazione e Astrazione, realizzata in occasione del 30° Anniversario del Riconoscimento Internazionale della Repubblica di Croazia e del 30° Anniversario dei Rapporti Diplomatici tra la Repubblica di Croazia e la Repubblica Italiana.
La mostra, tenuta nella sala Carlo Scarpa del Museo Revoltella, presenta dipinti di artisti che, nei turbolenti decenni a cavallo tra il millennio scorso e quello attuale, sono riusciti a trovare e a sviluppare con successo le loro carriere artistiche proprio in quella che veniva considerata la disciplina artistica più antica. E sono riusciti a farlo nonostante il discorso allora predominante sulla morte della pittura o, quanto meno, sull’inutilità della pittura da cavalletto, in quanto divergeva da quelle che erano le discipline, le tecniche e le strategie artistiche più innovative.

Come tutte le rassegne che decidono di occuparsi di una determinata scena artistica, anche questa si prefigge di riunire formule estetiche e preoccupazioni tematiche estremamente differenti tra loro, ma caratterizzate da un denominatore comune. L’obiettivo è quello di presentare al pubblico straniero la diversità e la vitalità dell’arte figurativa croata venuta a delinearsi e a svilupparsi in decenni particolarmente dinamici, contrassegnati da radicali cambiamenti sociali.
La selezione dei dipinti esposti, oltre una trentina di ragguardevoli dimensioni, vuole rappresentare la transizione e la realizzazione del complesso contesto storico-artistico-culturale del territorio croato, attraverso il lavoro di diverse generazioni di pittori che hanno costruito il loro status professionale in un arco temporale compreso tra gli anni Novanta e i giorni nostri. Tutti insieme hanno raggiunto un livello professionale invidiabile sulla scena croata grazie alle diverse mostre realizzate e vengono considerati, ormai già da diverse generazioni, gli esponenti e i continuatori della pittura da cavalletto. I più anziani si sono laureati tra la fine degli anni Ottanta e l’inizio degli anni Novanta, ed hanno iniziato la loro carriera artistica e pittorica nel momento in cui, per l’ennesima volta nell’era moderna, veniva proclamata la morte della pittura. L’impressione prevalente era che le generazioni più giovani non vedessero la pittura da cavalletto come un mezzo attraverso il quale poter esprimere le proprie visioni.
I rappresentanti di punta di questo gruppo si presentano anche in questa mostra e sono, in ordine alfabetico, Sebastijan Dračić, Pavle Pavlović, Stjepan Šandrk, Josip Tirić e Zlatan Vehabović, accompagnati da altri importanti artisti che ritorneranno sulla scena in occasione occasione.

Info: biglietteria 040 6754350
[email protected]
www.museorevoltella.it

[g.l.]

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore