22.1 C
Trieste
domenica, 2 Ottobre 2022

In arrivo a Trieste nuovi agenti, per il Sap Polizia sono pochi

23.02.2022 – 10.22 – Dei duecentoquarantacinque allievi che ieri hanno prestato giuramento alla scuola agenti di Trieste, solamente undici saranno assegnati al capoluogo giuliano. Certamente una buona notizia, considerati i grossi problemi interni al comparto: il blocco dei turn-over, la riduzione del personale, la pandemia, la rotta balcanica. Criticità denunciate anche dalla giovanissima Usip, la (quasi) neonata Unione sindacale italiana dei poliziotti. A evidenziare la situazione negativa, ora, è anche il Sap: l’arrivo delle nuove reclute parrebbe una buona notizia ma, forse, così non è. “Una ventata di gioventù – sottolinea Lorenzo Tamaro, segretario provinciale Sap – nella nostra provincia l’età media della Polizia di Stato si aggira attorno ai 50 anni”. Quella della scarsità numerica degli agenti, però, è una vera e propria emergenza: la Polizia di Stato conta un ammanco nazionale di diecimila unità e nel 2030 potrebbe arrivare a un meno quarantamila operatori se “al più presto non si correrà ai ripari” chiosa Tamaro.
Spendig review, tagli, allungamenti dell’età pensionabile. Per Tamaro, l’arrivo di una decina di nuovi agenti in città “non dovrà trarre in inganno o illudere – aggiunge il segretario Sap Polizia – perché non riusciranno a compensare i sedici pensionamenti del 2021 e i diciannove colleghi che si apprestano ad andare in quiescenza entro il 2022, dato questo che riguarda solo la Questura di Trieste, senza contare il restante personale delle “specialità” della provincia”. 
Sempre più duro Tamaro: “Questa professione necessità di “forze fresche” che siano al passo con i tempi ed in grado di contrastare le sfide del tempo al meglio della condizione fisica e mentale”.
Piuttosto che allungare l’età pensionabile, aggiunge il segretario provinciale, “servono concorsi per assunzioni straordinarie, serve rendere gli Istituti d’Istruzione, soprattutto quello di Trieste, nuovamente efficienti e ampliare la loro capacità formativa, al fine di sfornare al più presto ed in tempi brevi la Polizia del futuro”. 
E conclude: “Benvenuti a Trieste ai nuovi agenti, c’è però la necessità ora di programmare subito il futuro della Sicurezza in Italia”.

mb.r

 

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore