14.2 C
Trieste
domenica, 25 Settembre 2022

Polizia Locale, presentati i dati sulle attività 2021. Crescono gli incidenti ma il rispetto delle regole è costante

31.01.2022 – 11:15 – Si è tenuta questa mattina presso la Sala Giunta del Comune di Trieste, la conferenza stampa di presentazione dei dati sull’attività svolta dalla Polizia Locale di Trieste nel 2021. Al tavolo hanno preso parte l’Assessore alle Politiche della Sicurezza Cittadina, Maurizio De Blasio ed il Comandante della Polizia Locale, Walter Milocchi. I numeri dei tradizionali controlli dell’annata appena trascorsa, come indicato dai vertici della Polizia Locale, mostrano un quadro maggiormente rassicurante rispetto a quello del precedente biennio. Purtroppo, nel 2021, in particolare nei mesi autunnali, la Polizia Locale ha dovuto intensificare i controlli nell’ambito della prevenzione del Covid-19 e, talvolta, svolgere perquisizioni mirate su persone e veicoli che hanno fatto ingresso a Trieste nei giorni più caldi delle manifestazioni di piazza contro il Green Pass, eventi che, rispetto agli anni scorsi, hanno aumentato notevolmente il dato in merito al numero dei controlli. Per quanto concerne i cosiddetti “Controlli Covid”, infatti, la Polizia Locale del Capoluogo Giuliano, nel 2021, ha identificato 5067 persone e fatto visita a 340 pubblici esercizi appurando rispettivamente 180 e 48 violazioni alla vigente normativa antipandemica. “In generale, – ha commentato Milocchi – il rispetto delle regole da parte dei cittadini è tuttavia piuttosto costante”.

Nell’ambito, invece, dei più tradizionali servizi, il numero di incidenti stradali, rispetto al 2020, è aumentato, ma nell’analisi dei dati dell’annata precedente va considerato l’effetto “benefico” del lockdown, il quale aveva ridotto drasticamente la circolazione di veicoli e persone sulle strade. Nel 2021 si sono verificati 4 incidenti mortali, 751 con feriti e 1108 con danni materiali per un totale di 1863 sinistri. Sempre nel 2021 sono state appurate 401 violazioni dei “Regolamenti per la Convivenza Civile”, 98 sequestri di merce contraffatta nell’ambito del commercio ambulante, 452 tra fermi amministrativi e sequestri di veicoli, 1729 rimozioni e 451 violazioni del regolamento circa il corretto smaltimento dei rifiuti, tema, quest’ultimo, verso il quale la Polizia Locale di Trieste presta molta attenzione ogni anno. Sono oltre 500, infatti, i controlli effettuati in quest’ambito nel 2021.

Molta attenzione, poi, è stata rivolta verso la sicurezza delle aree verdi, sia per quanto concerne la tutela dell’arredo urbano sia per quanto riguarda la presenza o meno di piccole attività di spaccio all’interno di giardini e parchetti. A riguardo, sono stati effettuati 790 controlli. 1379 persone, infine, sono state controllate ed identificate nell’ambito del rispetto delle leggi sull’immigrazione.

Ultimi ma non meno importanti, i dati in merito alle attività di educazione alla mobilità con alunni di 59 classi di scuole di ogni ordine e grado, svoltesi presso Piazzale Straulino, per le quali sono state impiegate oltre 180 ore.

Al tavolo hanno preso parte l’Assessore alle Politiche della Sicurezza Cittadina, Maurizio De Blasio ed il Comandante della Polizia Locale, Walter Milocchi.

“Questi dati – ha commentato De Blasio – illustrano quante e quali siano le numerose attività della Polizia Locale e il suo impegno nell’ambito della sicurezza cittadina. Attività che negli ultimi anni hanno accolto anche servizi inediti che stanno ponendo l’attenzione su una riforma dello status dell’operatore e sulla sua comparazione alle altre forze di polizia. Si tratta tuttavia di una situazione nazionale ma è chiaro che sono le amministrazioni locali a dover fungere da parte attiva in questa questione”.

“Nell’ambito dell’ordine pubblico – ha continuato l’Assessore – , questa Amministrazione indende mettere in atto il prima possibile una stretta collaborazione con tutti gli enti coinvolti per evitare il ripetersi di determinati episodi e situazioni permettendo alla città di godere di quella serenità e sicurezza che l’hanno sempre contraddistinta. Oggigiorno a Trieste ci sono dei problemi che devono essere risolti, ma non credo ci siano particolari situazioni di emergenza. E’ chiaro che se si trascurano alcune situazioni c’è il rischio che quest’ultime possano degenerare; pertanto occorre non abituarsi a queste situazioni. E’ compito dell’Amministrazione lavorare affinchè ciò non accada”.

A margine della conferenza, l’Assessore ha poi speso alcune parole in merito alla questione piuttosto dibattuta nelle ultime settimane in merito al degrado dell’impianto sportivo Giorgio Ferrini di Ponziana, il quale, in attesa della partenza dei lavori di restauro che dovrebbero trasformarlo nella casa dell’U.S.Triestina Calcio 1918, giace in stato di abbandono ed è spesso location di spiacevoli fatti di cronaca, ultimo l’incendio degli spogliatoi dello scorso 16 Gennaio. “Sul Ferrini ci stiamo lavorando – ha asserito De Blasio. Quando si parla di quell’impianto sportivo non si parla solo di una questione di sicurezza ma anche di riqualificazione e riutilizzo di un’intera area. Se tale processo non dovesse partire in tempi brevi, sarà opportuno riconsiderare il tema e prendere tutti gli accorgimenti necessari per far si che quella zona non diventi luogo dove possano verificarsi situazioni di pericolo per la cittadinanza. Dopo il recente incendio – ha continuato l’Assessore – mi sono recato sul posto per verificarne lo stato e rendermi conto di qual’era l’effettiva situazione dell’impianto. L’iter per aggiustare la recinzione, la prima cosa da fare, è tuttavia partito; prossimamente sara ripristinata in sicurezza” – ha concluso.

 

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore