8.4 C
Trieste
venerdì, 9 Dicembre 2022

Trieste, Via Cassa di Risparmio, dopo la mezzanotte è un Far West. Gli esercenti: “Siamo stufi e abbiamo paura”

12.08.2021 – 14:50 – Con l’arrivo della bella stagione, pressappoco con l’avvento del mese di Giugno, dopo la mezzanotte, con la chiusura definitiva di tutti i locali e delle attività di intrattenimento estive, la Via Cassa di Risparmio si trasforma in un vero e proprio far west con tavoli e sedie rotte scaraventate ovunque, vasi di piante ribaltati e strappati, arredo urbano fuori posizione e uova rotte sui vetri divisori dei dehors dei locali presenti in loco. Questo è quanto accade ormai da diverse settimane, a giorni alterni, lungo la centralissima via pedonale che collega il Passaggio Joyce (“Ponte Curto”) alla Piazza della Borsa. L’ultimo episodio è accaduto nella notte tra Domenica 8 e Lunedì 9 Agosto quando, come ci ha raccontato il titolare della “Caffetteria Viezzoli”, sono state rubate due palme e sradicati altrettanti arbusti; poi, come se non bastasse, la violenza dei vandali si è scagliata contro i due grossi vasi posti all’estremità del dehors del limitrofo ristorante giapponese Nishiku mandandoli – come ci ha raccontato uno dei responsabili – parzialmente in frantumi. “Siamo stufi – ha dichiarato il titolare di Viezzoli ai nostri microfoni – abbiamo investito molto denaro per allestire al meglio la nostra area all’aperto nel rispetto delle distanze e delle normative anti Covid ed ora, ogni mattina troviamo una nuova sorpresa”. “Non ho la più pallida idea di chi possa essere ma una cosa è certa, ultimamente succedono cose strane in questa via e noi iniziamo ad avere paura. Chiediamo maggiore vigilanza al Comune affinchè tali vandalismi non si verifichino più”.

Medesimi danni, ma in quantità ridotta, sono stati perpetrati al vicino “Buffet Da Pepi” storica osteria conosciuta dai triestini con il pittoresco nome di “Pepi Sčiavo il quale, come ci è stato spiegato da un dipendente, ha subito la rottura delle gambe di alcuni tavolini in vimini riposti all’esterno del locale, regolarmente legati con una spessa catena antifurto.

Gli esercenti della Via Cassa di Risparmio sono esausti e sono pronti a sporgere denuncia contro ignoti; nel frattempo hanno deciso di lanciare un appello alla cittadinanza per trovare qualcuno che, negli scorsi giorni, abbia visto o sentito qualcosa passando di notte tra le vie del centro. Inoltre, si stanno cercando privati che, in quella via e nelle vicinanze, posseggano sistemi di videosorveglianza i quali abbiamo ripreso anche parzialmente i malviventi compiere i loro ignobili gesti. Al momento la frequentatissima via sembrerebbe esserne sprovvista e, l’ultimo aggiornamento alla rete di videosorveglianza urbana verrà applicato nel prossimo autunno alla zona di Piazza Goldoni e Largo Bonifacio dove, con un investimento comunale di circa 150.000 euro verranno insallati nuovi dispositivi dotati di sistema di riconoscimento facciale e risoluzione 4K. Ad annunciarlo, lo scorso 7 Luglio 2021, il Vicesindaco di Trieste Paolo Polidori in una conferenza stampa alla quale aveva preso parte anche il Comandante della Polizia Locale di Trieste, Walter Milocchi.

 

 

 

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore