Covid-19, da gennaio in FVG numero unico regionale pienamente operativo

22.12.2020 – 11.55 – “Un nuovo numero unico regionale, l’800909060, che stiamo testando in questi giorni e che sarà pienamente operativo da gennaio, per cercare di migliorare il servizio informativo sul Covid rivolto ai cittadini, rispondendo alle domande di carattere non prettamente sanitario ma a quelle che riguardano i percorsi e le disposizioni relative alla gestione della pandemia. Ad esempio: “Ho avuto un contatto con una persona positiva cosa devo fare?”, oppure “posso andare fuori del comune di residenza?”. Tutti quesiti a cui i volontari impegnati in questo progetto saranno a disposizione per assistere le persone”. Così il vicegovernatore con delega alla Salute e alla Protezione Civile, Riccardo Riccardi, nell’illustrare il nuovo numero verde che sarà attivo (ad esclusione dei giorni festivi) per offrire un servizio informativo sull’emergenza coronavirus ai cittadini del Friuli Venezia Giulia e che vede protagonisti, oltre alla Protezione Civile e la Direzione Centrale Salute, anche Insiel e i Dipartimenti di Prevenzione delle 3 Aziende sanitarie.

Nel dettaglio, il numero unico regionale 800909060 è attivo dal lunedì al sabato dalle ore 8 alle ore 20 (esclusi i festivi) e garantirà la presa in carico della richiesta del cittadino con la possibilità di fornire una risposta specifica al quesito posto dall’utente.

Come ha spiegato il vicegovernatore, ai volontari di Protezione Civile, oltre al compito di rispondere sulle ordinanze nazionali e regionali, verrà affidato un primo livello di risposta in ordine ai quesiti di natura sanitaria, grazie ad una serie di supporti preparati della Direzione Salute, mentre per i quesiti di livello superiore la chiamata verrà trasferita al personale sanitario dislocato presso le tre aziende sanitarie di riferimento.

“A fronte della dimensione del fenomeno che stiamo affrontando – ha concluso Riccardi – è importante modulare l’organizzazione al fine di rassicurare il più possibile i cittadini, dando loro la possibilità di avere a disposizione un servizio per garantire un flusso informativo costante e aggiornato, in grado di accompagnare le persone nelle complessità di questa fase”.

c.s