“Jeux de Matières”: la ricerca sulle texture di Amélie Guyonnet

17.09.2019 – 14.45 – Sabato 21 settembre alle ore 18.30 lo Spazio Espositivo EContemporary, in via Francesco Crispi 28, riprende l’attività espositiva dopo la pausa estiva con la mostra “Jeux de Matiéres” della maestra mosaicista di origine francese Amélie Guyonnet, artista già nota al pubblico triestino e promossa da molti anni dalla galleria, che in questa occasione porterà a Trieste una serie di opere dedicate alla ricerca che segue da anni sulle texture.
Il percorso di una quindicina di lavori pone l’attenzione sulla sua personale ricerca di nuove texture proposte in molteplici aspetti sia nelle forme che nei colori e in modo particolare nell’uso innovativo e contemporaneo dei materiali. La particolarità di Amélie è infatti quella di saper trattare materiali inediti come se fossero tessere tradizionali per la composizione del mosaico artistico quali bossoli e pallottole, tappi di bottiglie, matite, conchiglie, legno, pelle, chiodi, solo per citarne alcuni.
L’artista in una recente intervista ha inoltre affermato che per lei la texture è come percepire un ritmo interno dato dai materiali: ognuno ha il proprio ritmo che costituisce un micromondo e uniti ad altri materiali riesce a ricreare mondi e sentire diversi.

La mostra sarà visitabile sino al 31 ottobre 2019.

Amélie Guyonnet: Maestra mosaicista di fama internazionale diplomata Scuola Mosaicisti del Friuli nel 2006. Dopo aver appreso le tecniche artigianali e acquisito disinvoltura con gli stili tradizionali (romano e bizantino), fa del mosaico creativo il suo linguaggio d’elezione. Il suo percorso creativo è il risultato di una perfetta armonia tra lo stile metropolitano parigino, dove è nata e cresciuta, e le sue origini culturali in parte friulane e in parte ivoriane. Lavora tra la Francia e l’Italia ed espone a livello internazionale dal 2010 e collabora costantemente con la Scuola del Mosaico di Spilimbergo.