Finanze: Fitch valuta A- il Friuli Venezia Giulia, due punti sopra l’Italia

01.09.2019 – 07.57 – Il Friuli Venezia Giulia riceve un giudizio A- dall’agenzia di rating Fitch: l’amministrazione regionale dunque viene riconosciuta come economicamente e finanziariamente responsabile e affidabile. Un risultato in linea con il passato, ma che rimane comunque impressionante, a fronte della crisi e della generale incertezza politica che ha dominato quest’ultimo anno di governo. Il giudizio A-, secondo il governatore Massimiliano Fedriga, risulta inoltre superiore a quello dello Stato Italiano.
Nello specifico, Fedriga ha rimarcato che “l’analisi di Fitch evidenzia il basso livello di indebitamento dell’Amministrazione e le sue quote di autonomia finanziaria quali elementi di merito. A essere giudicato particolarmente positivo è stato inoltre il fatto che le contribuzioni alle manovre di finanza pubblica statale siano soggette ad accordi bilaterali con lo Stato“.

L’assessore regionale alle Finanze, Barbara Zilli, ha inoltre evidenziato che “il sistema di giudizio applicato da Fitch consente al rating della Regione, in determinate condizioni di autonomia e con dei limiti, di essere superiore a quello dello Stato. È il caso del Friuli Venezia Giulia, che ha ottenuto un giudizio A-, ben 2 livelli al di sopra dell’Italia, che ha invece un rating BBB con outlook negativo. La nostra Regione è quindi sul podio in Italia assieme alle Province autonome di Trento e Bolzano, le quali hanno, però, compartecipazioni alle entrate più elevate, che permettono di conseguenza di esercitare le proprie prerogative in maniera ancor più efficiente”.

L’opposizione ha invece attaccato il giudizio di Fitch, definendolo una conseguenza della precedente azione del Partito Democratico: “Il rating di Fitch si pone in continuità con un percorso virtuoso che è stato perseguito e stabilizzato negli anni passati, a partire dalla ristrutturazione di Banca Mediocredito e delle partecipate. – interviene Renzo Liva – Il cambio di agenzia di valutazione permette di evidenziare meglio le caratteristiche positive del sistema Fvg, ma considerate a prescindere dal giudizio negativo formulato sull’Italia, di cui la nostra Regione partecipa”.

“Il vero problema che l’entusiasmo di Fedriga vorrebbe occultare – precisa Liva – è lo stato in cui versa la reputazione finanziaria dell’Italia. Se prova fosse necessaria, basterebbe guardare l’impennata della fiducia dei mercati a fronte della prospettiva di un cambio di Governo. L’abbandono del Governo da parte di Salvini può far solo bene all’Italia”.