Cambiamento climatico: scegliere l’energia “green”

27.03.2019 – 10.00 – È da poco iniziato un movimento innovativo, radicale ed estremamente necessario: i venerdì di protesta contro il cambiamento climatico.

Una ragazzina nordeuropea ha smosso finalmente gli animi e le coscienze di migliaia di persone, rendendo palese che il nostro pianeta si trova in preda ad una crisi senza precedenti che rischia di spazzarci via tutti senza seconde chance: sia chi supporta Greta e sia chi non ci vuole avere nulla a che fare, deve far fronte ad una condizione ambientale che non può più essere nascosta come la polvere sotto al tappeto. Tutti i rami dell’industria e dei servizi devono interfacciarsi con gli impatti delle proprie attività sul cambiamento climatico e il contesto energetico non può essere da meno. I metodi per produrre energia “pulita”, “green” e a basso impatto ambientale esistono e in alcuni paesi sono già ordinaria amministrazione. L’Italia tuttavia, risulta un po’ zoppicante nella corsa all’energie alternative, ma esistono comunque nel mercato libero esempi virtuosi per produrre energia senza pesare sull’ecosistema. Molti nuovi volti del libero mercato elettrico hanno deciso, infatti, di investire su produzioni “verdi” di energia e di acquistarne ancora da fonti rinnovabili. Inoltre, queste azioni prevedono una netta diminuzione dei gas serra prodotti dai vecchi impianti di produzione elettrica. Molte sono le compagnie che, in concomitanza con supporti economicostatali, offrono alla propria clientela strutture per l’auto produzione energetica (es. pannelli solari). Una cosa che molti non sanno però, è che con l’innovazione tecnologica è possibile diminuire l’impatto ambientale del proprio utilizzo di energia. Numerosi, infatti, sono gli investimenti di diverse attività per installare le cosiddette “smart home“: uno dei metodi che risultano fondamentali per limitare la produzione di anidride carbonica e i costi elevati in bolletta rimane il non – spreco e i nuovi sistemi di smarthome, controllabili dal proprio smartphone tramite app, permettono di incentivare il risparmio energetico comandando i propri elettrodomestici, l’impianto di riscaldamento e di illuminazione e monitorando i propri consumi giornalieri.

Le innovazioni sono molte come lo sono i metodi per impattare in maniera positiva e non negativa sul mondo che ci circonda. L’importante però è rivolgersi sempre a degli esperti, che con trasparenza e determinazione hanno fatto dell’energia rinnovabile la propria mission. Insomma, dei super eroi green.

(Manuel Flaugnacco)