21.1 C
Trieste
lunedì, 8 Agosto 2022

Arturs Strautins “Sto bene. A Trento sarà dura”

14.3.19|10.55-Parlando di Arturs Strautins nel post gara di Alma-Fiat Torino, Dalmasson sentenziò che il lettone “deve accettare certi passaggi a vuoto, capendo che non sempre la vena realizzativa è dalla sua parte. (…) Per un giovane come lui è normale questo saliscendi di prestazioni, ma se lavorerà con pazienza e senza ansia di tornare a segnare tanto troverà una base per costruire la sua crescita. A partire dai tanti rimbalzi che garantisce.”. Quella sera il coach biancorosso aveva richiamato in panchina l’ala classe ’98 per due errori difensivi da matita blu; “Il suo problema è mantenere alta la concentrazione” si diceva lungo le scale dell’Allianz Dome.

Un mese e mezzo dopo, Strautins sembra sulla giusta strada per tornare ai sorprendenti livelli di inizio stagione: sabato ha dato certezze in difesa, conquistando 7 rimbalzi totali, e ha realizzato la tripla-molto pesante- del 35-23. Il ventenne lettone ieri nella conferenza stampa infrasettimanale è tornato sul suo stato di forma “La seconda parte del girone d’andata non è stata facile per me, ma sbagliare mi è servito come esperienza e sento di poter stare in serie A.”.

Il risveglio del ragazzo di Jūrmala arriva dopo la sosta trisettimanale, passata a Trieste rinunciando alla convocazione nella sua nazionale. Una scelta decisa insieme alla società biancorossa, che deriva da motivi fisici ma anche dal bisogno, da parte dell’ala lettone, di lavorare sugli errori che lo avevano zavorrato nelle settimane precedenti: “Al momento della chiamata avevo un affaticamento muscolare alla gamba, ho parlato con la squadra e abbiamo deciso di rimanere qui per completare la riabilitazione. In questi casi è meglio dare al muscolo il tempo giusto per guarire, per non rischiare ricadute giocando altre partite”.

Ora però l’infortunio è alle spalle (“Adesso è tutto a posto” conferma Strautins) e lo sguardo si rivolge a domenica prossima, alla gara del PalaTrento (domenica ore 18.00) in cui i giuliani contenderanno all’Aquila un posto tra le prime otto “Sarà una partita molto dura-ha chiuso il baltico-, perché Trento gioca bene in casa e sta attraversando un periodo di crescita.”. I trentini, a 22 punti come Trieste, devono vendicare l’85-74 dell’andata e, in effetti, hanno una striscia aperta di quattro vittorie in cui hanno preso gli scalpi di Venezia, Varese e Avellino. I ragazzi di Buscaglia sono indubbiamente in crescita, ma anche Strautins lo è e come lui anche l’Alma, che in questo inizio marzo non ha sbagliato un colpo.

Classifica

Prossimo turno

 

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore