13.2 C
Trieste
martedì, 4 Ottobre 2022

Regione FVG, sostegno economico ai genitori, presentato il contributo “Dote Famiglia”

12.07.2022 – 14:55 – Si è svolta questa mattina presso la Sala Predonzani del Palazzo della Regione Friuli Venezia Giulia sito in Piazza Unità d’Italia, a Trieste, la conferenza stampa di presentazione del contributo regionale “Dote Famiglia” per il 2022; un contributo annuale per garantire ai minori l’opportunità di accedere a contesti educativi, ludici e ricreativi e per favorire il bilanciamento dei tempi di vita familiare e dei tempi di vita lavorativa ai genitori. L’iniziativa è stata presentata quest’oggi, Martedì 12 Luglio, dal Governatore FVG, Massimiliano Fedriga e dall’Assessore Regionale al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia, Alessia Rosolen. Per il corrente anno il contributo in questione potrà essere richiesto per le spese già effettuate a partire dal primo gennaio 2022. Le spese oggetto del rimborso dovranno riguardare prestazioni e servizi svolti all’interno del territorio regionale e riguardanti categorie quali: servizi di sostegno alla genitorialità ed educativi, organizzati in orari e periodi extra scolastici (ex: centri estivi, doposcuola, baby sitting); percorsi di sostegno scolastico o di apprendimento delle lingue straniere (ex: ripetizioni e corsi di lingua); servizi culturali (ex: l’accesso a musei, concerti, teatro sia con biglietto sia con abbonamento indicanti il nominativo del minore; servizi turistici (ex: gite scolastiche, viaggi di istruzione, visite didattiche); percorsi didattici e di educazione artistica e musicale (ex: frequenza a laboratori, atelier, percorsi didattici su tematiche specifiche); attività sportive ex: corsi e ritiri sportivi). I servizi e le prestazioni indicate potranno essere erogati da soggetti pubblici, privati o enti del Terzo Settore nel rispetto delle normative di settore. Per l’anno 2022, la Regione, con uno stanziamento di 24 milioni di euro, ha stabilito in via straordinaria una misura della Dote Famiglia pari a 500 euro per ciascun figlio minore, importo che viene ridotto a 250 euro se il titolare di Carta Famiglia è residente sul nostro territorio regionle da meno di 5 anni. L’importo viene invece maggiorato di 100 euro se nel nucleo familiare del richiedente è presente una persona con disabilità. Per richiedere il contributo Dote Famiglia il titolare di Carta Famiglia deve essere in possesso di requisiti come: Carta famiglia attiva; ISEE minorenni in corso di validità con valore inferiore o uguale a euro 30.000,00; almeno un figlio minore in carico al nucleo familiare. La domanda di Dote famiglia va trasmessa al proprio Comune di residenza esclusivamente in modalità online attraverso portale dedicato, a partire dal 12 Luglio ed entro e non oltre il termine ultimo fissato per il 31 Dicembre 2022.

Foto: Gabriele Turco.

“Il Contibuto Dote Famiglia – ha dichiarato l’Assessore Rosolen – è un intervento strutturale che questa Amministrazione Regionale ha immaginato per la crescita dei figli da 0 a 18 anni, mettendo da parte gli interventi una tantum e prendendo in carico tutte le spese legate ai servizi educativi, culturali, sportivi che i bambini e i giovani del nostro territorio svolgono”. “Negli anni abbiamo fatto misure consistenti – ha asserito il Governatore Fedriga – e le politiche sulla famiglia sono triplicate per quanto riguarda il supporto delle famiglie con bambini agli asili nido (stanziati 25 milioni per quasi 6000 famiglie beneficiarie) e raddoppiate per quanto riguarda i finanziamenti generali dal 2018. Tutto questo con importanti risultati i quali hanno portato ad un incremento degli accessi agli asili nido ed importanti risultati anche verso la categoria delle donne madri. Quest’anno, infatti, nel primo trimestre, abbiamo avuto un aumento del 9,7% dell’occupazione femminile rispetto al 2019, una percentuale importante che supera i dati del periodo pre pandemia” – ha concluso Fedriga.

Come ricordato dal Governatore, dal 2018 al 2022 sono stati fatti importanti rivoluzioni in ambito regionale per quanto concerne il settore della famiglia. Nel 2018, infatti, è stato istituito il Servizio Politiche della Famiglia, nel 2019 sono state apportate alcune modifiche alla Legge Regionale sui Servizi alla Prima Infanzia ed adottati di conseguenza nuovi criteri per l’abbattimento delle rette per gli asili nido e le relative modalità di accreditamento. Nel 2020, poi, nell’anno dell’avvento della pandemia, l’Amministrazione Fedriga ha provveduto a modificare la Legge Regionale sul Lavoro in materia di welfare aziendale e condivisione di responsabilità genitoriale, aggiornando poi la Legge Regionale sull’Istruzione creando la filiera del diritto allo studio (ARDIS) e istituendo il contributo “Dote Scuola”. Nel 2021, è stata introdotta la Legge Quadro sulla Famiglia per costruire una nuova visione della società e strumenti che guardino al futuro partendo dalla convinzione che la spesa pubblica a favore della famiglia è un fattore decisivo per determinare l’entità dell’impatto sulle scelte legate al drammatico fenomeno del calo demografico. Infine, quest’anno l’istituzione del contributo “Dote Famiglia” e l’introduzione dell’omonima carta.

 

 

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore