30.9 C
Trieste
lunedì, 15 Agosto 2022

Dal Bambin Gesù al Princess Grace di Montecarlo, uniti per stanare cuori ribelli

29.07.2022 – 09.58 – Costa D’Avorio. Adotta Un Cuore Ribelle è la prosecuzione di un progetto che si sviluppa nell’ottica della cooperazione internazionale volta a promuovere la salute dei bambini: il progetto “Coeur Rebelle” è un programma medico sanitario rivolto alla popolazione ivoriana più vulnerabile e si prefigge l’obiettivo di “stanare” i cuori ribelli che potrebbero essere la principale causa di numerose morti premature.
Cuori Ribelli è un progetto fortemente voluto dal presidente dell’associazione onlus Una Voce per Padre Pio Enzo Palumbo, che vede nell’aiuto di queste fasce deboli e vulnerabili, nei bambini di questo territorio, il concretizzarsi dell’obiettivo e il fine stesso dell’associazione. Una mission che agisce in un Paese, la Costa d’Avorio, che presenta un Servizio Sanitario latente, carente e fruibile per lo più da una piccola élite della popolazione perché a pagamento.

«Si è voluto garantire con tale progetto, in un Paese dove la percentuale di morti infantili, di casi malnutrizione grave e di morti evitabili a seguito di una diagnostica precoce, quel diritto alla salute e alla vita che spetta a ciascun essere umano, principi fondamentali e imprescindibili per ciascun essere vivente. Cuori ribelli è stato ed è un progetto avviato contestualmente all’inaugurazione del Centro Medico “Le paradis de Padre Pio” a Bonoua, in Costa d’Avorio, il 2 aprile 2022 e che ha visto per tre giorni lo svolgersi del primo step di tale progetto ovvero un screening in loco della popolazione con la collaborazione del professore Guido Oppido, primario del reparto di Cardiochirurgia Pediatrica del Monaldi di Napoli, la dott. ssa Claudia D’Andrea, cardiologa del Santobono, e la dottoressa Kiran Mixar, medico generico dell’ospedale Humber River di Toronto in Canada. Il risultato di questo screening ha lasciato noi tutti senza parole: dei 150 casi sottoposti all’attenzione dell’equipe medica dai servizi sociali territoriali 75 sono stati valutati urgenti, a cui è indispensabile un intervento salvavita e, purtroppo, non operabili il loco. Solerti ci siamo mossi per riattivare il Corridoio Umanitario Sanitario, sospeso a causa della pandemia, per trasferire i casi di massima urgenza in Italia.

Grazie alla collaborazione del Ministero della Salute Italiano, dell’Ospedale Monaldi di Napoli, dell’Ospedale Bambin Gesù di Roma, dell’Ospedale Gaslini di Genova, Azienda Ospedaliera di Padova, dell’Ospedale Princesse Grace di Montecarlo tutto questo si è potuto realizzare. Lo scorso 15 maggio, la Piccola Mahewa di 3 anni (accompagnata dalla sua mamma), con il suo arrivo in Italia, con conseguente ricovero immediato all’Ospedale Monaldi di Napoli, ha dato il via ad una serie di trasferimenti che si concluderanno entro la metà del 2023. Mahewa, con sindrome di down e affetta da DIV difetto Interventricolare è stata operata con successo il 23 maggio 2022 all’ospedale Monaldi di Napoli, dal professore Guido Oppido e dalla sua equipe. Ora l’attende l’iter post operatorio per poter rientrare in Costa D’Avorio dimenticando, definitivamente, il suo Cuore ribelle» – spiega Enzo Palumbo dell’Ong Una Voce per Padre Pio.
«Ora, tuttavia, restano altri 74 casi, altri 74 bambini da trasferire e aiutare, altrimenti destinati a diventare piccoli angeli!. Tante sono le spese da affrontare: biglietti aerei, spese per il soggiorno in Italia, spese per le cure mediche, calcolando che i bambini, piccolissimi, saranno accompagnati dalla loro mamma.
Chiediamo aiuto a te, amico e benefattore, di adottare questo Cuore Ribelle! Aiutarci a realizzare questo piccolo miracolo… Il costo dell’intervento, circa € 30.000,00 è sostenuto dal nostro ministero della salute. Restano a nostro completo carico: i voli aerei, l’ospitalità (vitto ed alloggio) nei periodi fuori degenza. Questi costi sono stimati in € 5.000,00. Sostienici facendo una donazione e adottando un Cuore Ribelle. Diventa il padrino/madrina di questo piccolo angelo che potrai seguire, incontrare e conoscere per tutto il percorso qui in Italia e tastare concretamente il tuo aiuto e il tuo sostegno donato. Aiutiamoli!! questi Cuori Ribelli hanno bisogno di te!» – sottolinea. Tutte le informazioni per chi vuole sostenere il progetto e le coordinate bancarie sono disponibili attraverso la pagina Facebook dell’iniziativa.

[f.f.]

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore