20.8 C
Trieste
sabato, 13 Agosto 2022

Una, nessuna, centomila: Arturo D’Ascanio omaggia Pirandello

15.06.2022 – 09.00 – Mercoledì 15 giugno, alle 19, s’inaugura alla Sala Comunale d’arte di Trieste (piazza dell’Unità d’Italia 4) la rassegna “Una, nessuna, centomila” (visitabile in seguito dal 16 giugno al 3 luglio 2022), dedicata dal pittore abruzzese Arturo D’Ascanio al tema muliebre: in mostra una ventina di acrilici su tela realizzati negli ultimi due anni di pandemia. La vernice sarà accompagnata da un dibattito in tema, cui parteciperanno il critico Marianna Accerboni e l’artista Adriana Itri, e dall’esecuzione di brani musicali al sassofono.

La rassegna esprime in particolare la sintesi di un progetto più ampio ideato dal pittore e intitolato per l’appunto “Una, nessuna, centomila” in omaggio al capolavoro pirandelliano.
“Il tema – spiega l’artista – è prettamente psicologico come accade nel romanzo del grande scrittore, in cui il protagonista Gengè si concentra sulla percezione di sé attraverso quella che gli altri hanno nei suoi confronti. Fa di tutto pur di piacere e in tal modo si annulla. Meglio invece accettarsi e cercare di migliorarsi, senza vivere la propria vita come vogliono gli altri. – conclude D’Ascanio – Oggi tutto verte sull’apparire, ma sull’essere si lavora poco”. La donna – scrive Accerboni – appare un emblema di tale riflessione, che in realtà si rivolge all’umanità intera. Così le sue protagoniste presentano, nella loro grazia muliebre, una forma d’intima riservatezza che traluce dall’essere dipinte spesso di spalle o con il volto semicelato. Segno che l’artista va ricercando una bellezza di contenuti più che un appeal estetizzante, esprimendo tale valore attraverso un lessico che dell’espressionismo, filone cui i dipinti appartengono, coglie la forza dell’approfondimento interiore mediante la riflessione, propria di quello stile.
La mostra sarà visitabile tutti i giorni dal 16 giugno al 3 luglio 2022 dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle  20

Arturo D’Ascanio, classe 1957, si diploma all’Istituto d’arte di Vasto (Chieti) nel 1975, coronando una precoce attitudine al disegno e alla pittura, riconosciuta da numerosi premi in giovane età. Nel 2013 si trasferisce a Trieste, dove si dedica alla pittura acrilica su tela, partecipando a numerose mostre collettive e ordinando alcune personali. L’artista è presente con le sue opere negli Stati Uniti, in Spagna e in Italia.

Leggerezza e delicatezza accompagnano silenti le sapienti pennellate di questo pittore, formatosi sotto la guida di Antonio Sofianopulo e che ha al suo attivo diverse mostre in varie città italiane, l’illustrazione di copertine di libri tratte anche dai suoi dipinti e varie ideazioni nell’ambito della grafica pubblicitaria. Uno dei suoi prossimi progetti sarà quello di ridare vita a materiali ormai abbandonati come tavole di cantieri e simili, restaurarli e reinventarli con funzione di supporti per la sua pittura perchè “Più che guardare all’opulenza, bisogna cercare di fare molto con poco, ponendo l’attenzione sulle cose che possono essere ancora salvate e donando loro nuova vita”.

[V.L.]

 

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore