25.7 C
Trieste
lunedì, 27 Giugno 2022

Museo del Mare o di Storia Naturale? Fanfogna svela nuovi dettagli

26.05.2022 – 07.30 – Nell’occasione dell’incontro-dibattito “Museo del Mare: quali opportunità?” organizzato dal partito Adesso Trieste, la direttrice dei Musei Civici Laura Carlini Fanfogna ha delineato le linee guida e la filosofia della futura esposizione, pur nella consapevolezza che si tratta di un’ipotesi, un “brogliaccio” aperto a discussioni e modifiche.
Si tratta di un allestimento ancora lontano a venire, considerando la necessità di preparare gli spazi nel Magazzino 26 a cura dell’architetto Guillermo Vazquez Consuegra: la deadline dell’inaugurazione infatti è stata fissata per il 2026, mentre lo storyboard dell’esposizione risale al 2020.
La direttrice ha inoltre confermato, nell’occasione, che verrà allestito un Museo del Mare intermedio al terzo piano del Magazzino 26, nell’ala nord: un’esposizione temporanea degli oggetti, in attesa della sistemazione definitiva.
“Il personale scientifico del Comune di Trieste – ha spiegato la Fanfogna – ha lavorato per un anno e mezzo alla realizzazione di questo progetto; la parte espositiva in realtà è solo una minima parte, a confronto col backoffice. Volevamo presentare infatti il risultato di questo progetto al pubblico, all’Authority e in generale ai portatori di interesse.
Tra i lavori invisibili al pubblico c’è stata la revisione degli inventari fotografici e la piena catalogazione del materiale attuale in possesso del Comune di Trieste” che “può essere incrementato da coloro che desiderano valorizzare ulteriormente questo patrimonio”.

“Quali linee guida abbiamo adottato? – ha argomentato la Fanfogna – Si tratta di un progetto che riunisce due musei: quello di Storia Naturale e quello del Mare. Il nocciolo sarà la storia della relazione di Trieste col mare, attraverso una narrazione a 360 gradi: immagini, suoni, video, impressioni tattili. L’obiettivo è di integrare i due musei, mantenendo però la loro identità originaria. Insieme, ma separati.
I due musei sarebbero così capaci di raccontare la storia di Trieste tanto sopra, quanto sotto il mare. Parola d’ordine: engagement, nella forma di una collaborazione con la città.
Dev’essere inoltre esperienziale ed emozionale, con la possibilità di seguire il percorso dall’A alla Z, come l’avevamo progettato; ma con la possibilità anche di visitarlo a segmenti, con ciascuna sezione autonoma rispetto alle altre”.
Nel caso del Magazzino 26 vi è un notevole vantaggio conferito dall’edificio stesso, considerando che c’è una “convergenza tra contenitore e contenuto” garantito dal retaggio di archeologia industriale del Porto Vecchio.

Il percorso museale si articolerebbe attraverso una serie di sezioni, ciascuna caratterizzata “da un oggetto totemico che lo connota profondamente”, con un’alternanza di “sezioni più leggere e sezioni più pesanti”; ad esempio tra il passaggio nella sezione “Andar per il mare” e “L’economia del mare” sarà possibile visitare la sezione “Tutti al mare”, con la storia delle spiagge e dei “bagni” triestini.
Le sezioni rimanderebbero poi agli altri musei triestini: ad esempio al Museo Revoltella, con la storia del taglio dell’istmo di Suez; o al Civico Museo d’arte orientale, con la figura di Carlo Zanella, grande collezionista di opere d’arte e nel contempo agente marittimo ad Hong Kong.

La visione dietro il Museo del Mare non si limita però all’esposizione stessa, ma vuole procedere oltre, immaginando un luogo di aggregazione: un obiettivo reso possibile dalla futura collocazione di oltre 50mila volumi della biblioteca del mare nella torre sud del Magazzino 26, dalla quale poter accedere poi alla terrazza panoramica, dov’è situato il bar.
“Le persone potranno visitare il Museo anche solo per mezz’ora – ha argomentato la Fanfogna – ad esempio per ammirare il punto panoramico e leggere un libro”.
Occorre insomma “Introdurre l’abitudine di vedere il Museo, di visitarlo periodicamente”.

[z.s.]

spot_img
Avatar
Zeno Saracinohttps://www.triesteallnews.it
Giornalista pubblicista. Blog personale: https://zenosaracino.blogspot.com/

Ultime notizie

Dello stesso autore