22.6 C
Trieste
sabato, 2 Luglio 2022

MAREinFVG, in scena i droni marini: le applicazioni per il mar Adriatico

23.05.2022 – 16.15 – Grande successo di pubblico per la prima edizione di MAREinFVG organizzata da mareFVG, il cluster regionale delle tecnologie marittime. La quattro giorni dedicata al mare ha proposto (da venerdì 20 a oggi lunedì 23 maggio) ai cittadini – oltre che alle imprese e agli enti di ricerca – un fitto calendario di appuntamenti gratuiti per scoprire e celebrare la ricchezza di conoscenza che il mare ci regala ogni giorno.
Oggi l’Arenamare, tensostruttura allestita in piazza Ponterosso per la manifestazione, ha ospitato “ROBOTIMA” incontro nell’ambito di InnovaMare, progetto strategico finanziato dal Programma di Cooperazione transfrontaliera Interreg Italia – Croazia 2014-2020, con l’obiettivo di far crescere il sistema industriale transfrontaliero nella robotica marina e di rendere stabile un modello di ecosistema dell’innovazione nel settore della robotica sottomarina e dei sensori per il monitoraggio dell’inquinamento del mare Adriatico. Si sono tenute presentazioni e dimostrazioni – sia a terra che in nel Canal Grande – di robotica marina rivolte in particolar modo ai funzionari delle amministrazioni regionali che potranno utilizzare la tecnologia dei droni marini per fare monitoraggio, salvaguardia, sorveglianza, operazioni portuali e molto altro.

Strumentazioni, boe e droni per il monitoraggio dei mari, la raccolta dei rifiuti nei fiumi e la pulizia delle carene delle barche sono stati illustrati dall’Istituto di ingegneria del mare del CNR e dall’ISIS Mattei Latisana, dalla Facoltà di Ingegneria dell’Università di Zagabria, dall’OGS Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, da River Cleaning, COMET ed Elements Works.

La presidente prof.ssa Maria Cristina Pedicchio di mareFVG: “Le politiche europee sul tema marino e marittimo, in particolar modo la “Missione stella marina 2030”, che mira a far rivivere i nostri mari e le nostre acque, con una programmazione per i prossimi dieci anni, sottolineano l’importanza coinvolgimento dei cittadini. Questo è il cuore di MAREinFVG. I cittadini non solo devono essere informati ma devono poter collaborare e prendere parte alla progettazione per rigenerare mare e oceani. L’idea del citizen science è soprattutto l’idea di riuscire a portare persone valide, come quelle che abbiamo ascoltato in questi giorni, perché coinvolgano i cittadini su temi centrali quali il digitale, l’inquinamento, la decarbonizzazione e gli ecosistemi. Questa è la priorità. Con un’attenzione speciale per i più piccoli che recepiscono meglio di noi adulti un approccio culturale più responsabile verso la tutela dell’ambiente marino”.

Lucio Sabbadini, amministratore delegato mareFVG: “MAREinFVG ha avuto un’ottima partecipazione delle imprese, nei giorni a loro dedicati, e dei bambini e dei ragazzi nelle attività organizzate nello specifico per loro, questo denota una grande sensibilità dei giovani e di chi lavora nel mare a trovare soluzioni di sostenibilità. Questa prima edizione è stata un successo e l’anno prossimo la festa del mare sarà ancora più bella”.

[z.s.]

spot_img

Ultime notizie

Dello stesso autore