30.6 C
Trieste
martedì, 28 Giugno 2022

Aumenti luce e gas: le imprese più colpite dai rincari energia

02.02.2022 – 14.58 – Gli ultimi mesi non sono stati facili per le aziende, e con tutta probabilità il futuro a breve termine delle imprese italiane non sarà poi così diverso. Si fa infatti riferimento al peso che hanno (e che avranno) i rincari in termini di spesa in bolletta, con i prezzi di luce e gas schizzati alle stelle. Naturalmente anche le famiglie della Penisola soffrono, ma non quanto le aziende, i cui costi sono addirittura triplicati. Vediamo quindi di andare ad approfondire questo argomento, con una panoramica completa.

I rincari in bolletta fra numeri, soluzioni e aiuti. I rincari in bolletta per le aziende andranno dal più 55 per cento al più 68 per cento, con un aumento da record del prezzo del gas naturale e dell’energia elettrica in bolletta. In totale i rincari in questione costeranno all’Italia circa 90 miliardi di euro, così suddivisi: 60 miliardi circa a carico delle aziende, e 30 miliardi di euro a carico delle famiglie della Penisola. Molti si auspicano un intervento deciso del governo, che proverà a mettere un tappo a questa falla, cercando di arginare almeno in parte questa emorragia finanziaria. L’esecutivo al momento sta lavorando ad una serie di soluzioni ad hoc, con l’obiettivo di ridurre le spese in bolletta. Finora purtroppo si resta nel campo delle mere ipotesi, non essendo stata ancora definita una strategia precisa, e non esistendo comunicazioni ufficiali in merito. Pare comunque che il governo chiederà un sacrificio ai produttori, con un contributo per coprire una parte delle spese. Al momento, per arginare questi costi si può pensare al passaggio al mercato libero, che diventerà comunque obbligatorio a partire dal 2023. A tal proposito è possibile informarsi su alcune pagine come quella di VIVI energia sul mercato libero, per citarne una. Nel prossimo paragrafo, invece, andremo ad analizzare nello specifico la crisi dal punto di vista delle imprese.

Imprese: le più colpite dai rincari in bolletta. Le piccole imprese dovranno affrontare mesi molto duri, al punto che si prevedono diverse chiusure a causa della mancata possibilità di far fronte alle spese energetiche. Spese che in certi casi potrebbero superare un aumento del 100 per cento, per quel che riguarda i costi di luce e gas metano. Ci saranno alcuni settori in particolare che soffriranno di più questa crisi, come il comparto delle costruzioni, della logistica e dei trasporti, oltre alle realtà nel settore dell’artigianato. È chiaro che l’aumento dei costi in merito a luce e gas avrà un contraccolpo anche sul listino prezzi dei prodotti e dei servizi erogati dalle aziende. Già oggi stiamo assistendo a questo fenomeno, e nei mesi a venire aumenterà ancora, con un picco previsto intorno ai mesi di marzo e aprile. In ogni caso, la crisi energetica non dovrebbe durare ancora a lungo: la situazione dovrebbe migliorare entro quest’anno.

[network]

spot_img

Ultime notizie

Dello stesso autore