Zuckerberg presenta il metaverso. Cosa aspettarsi?

30.11.2021 – 12.16 – Il metaverso è il futuro di Internet, del digitale e del modo in cui interagiamo online. Ricreando un ambiente di vita reale, dovrebbe trasportarci in un mondo a tre dimensioni che poco si discosta da quello tangibile. L’obiettivo primario è quello di coinvolgere maggiormente gli utenti in uno spazio che va ben oltre la bidimensionalità dello schermo, portandoci a interagire con quanto ci circonda durante un meeting virtuale, una riunione su Zoom o un videogioco a cui partecipano persone di tutto il mondo.

Giocare ai casinò online nel metaverso. L’area di utilizzo principale per il metaverso, infatti, è proprio quella del gaming. Pensiamo ai principali fornitori di giochi d’azzardo online, che stanno guardando con sempre maggiore interesse a un universo virtuale in cui i player interagirebbero in 3D attraverso il proprio avatar avendo accesso all’ampia gamma di giochi offerti dai migliori casinò online. Gli appassionati di videopoker, roulette e slot machine potranno partecipare a sessioni di gioco che nulla hanno da invidiare a quelle offerte dai casinò tradizionali, muovendosi entro i limiti di un ecosistema in cui il confine tra reale e virtuale si sta facendo via via più sottile. Ma ci sono anche altri colossi del settore come Tencent ed Epic Games – la società che, per intenderci, ha pubblicato Fortnite – che hanno recentemente scelto di investire sullo sviluppo del metaverso a dimostrazione della loro ben precisa volontà di muoversi in questa direzione.

Il metaverso di Facebook. Uno dei primi a spalancare le porte a questa sorta di più moderna Second Life è stato Mark Zuckerberg. Nel corso di un recente incontro con lo staff di Facebook, il fondatore del più grande social network al mondo – secondo le ultime rilevazioni, sarebbero infatti 2,9 miliardi gli utenti iscritti alla piattaforma – si è espresso con toni entusiastici sul metaverso. Durante l’evento Connect 2021, Zuckerberg ha svelato alcune novità in merito al futuro della piattaforma. L’azienda di Menlo Park sta lavorando allo sviluppo di Horizon Home, un ambiente virtuale a cui si potrà accedere tramite un visore VR. La nuova home conterrà altri prodotti del marchio Meta (si noti che per il rebranding del corporate name è stato scelto proprio un termine che strizza l’occhio al metaverso) come Instagram e WhatsApp. Ma anche applicazioni di terze parti e una sezione dedicata a video e messaggi.

L’origine del metaverso. Il termine metaverso, in inglese metaverse, è stato coniato dall’autore di fantascienza statunitense Neal Stephenson. Fu proprio lui, nel romanzo di genere postcyberpunk Snow Crash, a utilizzare per la prima volta questa parola per descrivere un universo virtuale in tre dimensioni, fatto di tanti spazi simulati interconnessi tra di loro. A questo proposito possiamo affermare che Second Life, l’ambiente virtuale lanciato da Linden Lab nel 2003, è stato il primo esperimento ad affondare le radici nel metaverso. Qualche anno dopo sono quindi arrivati videogame come Fortnite e Minecraft, i cui giocatori sono immersi in mondi virtuali che possono abitare e condividere con gli amici.

I campi di applicazione del metaverso. Quel che è certo è che siamo solo agli inizi di un’esperienza che, a detta di molti, arriverà a coinvolgere molti aspetti della nostra vita quotidiana. Il metaverso può infatti trovare opportunità di applicazione nel campo della moda, della comunicazione, del marketing, delle scienze sociali, dell’istruzione e chi più ne ha più ne metta. I mondi virtuali dovrebbero consentire di sperimentare possibili scenari e prodotti, di simulare l’efficacia di una campagna di vendita, di generare esperienze di forte impatto emotivo ed educativo, contribuendo alla creazione di oggetti, prototipi e ambienti che li rendano vivibili e memorabili. Quando parliamo di metaverso, abbiamo ancora poche certezze. Molti aspetti. Tecnici e sociali, aspettano di essere chiariti. Possiamo però affermare che la realtà virtuale potrà aiutarci in vari ambiti, offrendoci nuove ed entusiasmanti possibilità.

[network]