22.8 C
Trieste
lunedì, 8 Agosto 2022

Triestina, c’è la Pergolettese degli ex, problemi a centrocampo per Bucchi

05.11.2021 – Tredicesima giornata alle porte per la Triestina di mister Bucchi che, dopo l’amaro pareggio casalingo contro la FeralpiSalò, maturato all’ultimo secondo con diversi episodi controversi, è chiamata a riscattarsi nella trasferta lombarda di Crema, dove Lopez e compagni affronteranno la Pergolettese. Fischio d’inizio che, domani, sabato 6 novembre, è fissato per le 14,30 e sarà dato dal direttore di gara Mucera di Palermo, coadiuvato dagli assistenti Parisi di Bari e Sprezzola di Mestre, mentre il quarto ufficiale sarà il signor Cappai di Cagliari.

Pergolettese, quanti ex!

Pergolettese-Triestina sarà una sorta di “rimpatriata” per alcuni dei recenti protagonisti della storia alabardata: al centro della difesa, infatti, i cremaschi hanno acquistato in estate l’ex capitano Lambrughi, mentre è degli scorsi giorni l’ufficialità dell’arrivo del terzino Lepore, “proprietario” della corsia destra della difesa giuliana fino a qualche mese fa. Ma anche Bariti, ala sinistra di mister Lucchini, che in passato ha a più riprese indossato la maglia della Triestina. Insomma, una sorta di sfida amarcord per diversi giocatori. Tutti, peraltro, difficilmente prescindibili nella formazione titolare cremasca.

Dopo un inizio shock, con 5 sconfitte nelle prime 8 giornate, la squadra lombarda sembra essersi ripresa nelle ultime settimane e, nelle ultime 4 uscite ha raccolto ben 3 successi (peraltro contro Albinoleffe, Lecco e Trento, tre squadre non certo da bassa classifica) riportandosi in zona playoff e ad appena 2 punti di ritardo dalla Triestina, che di punti ne ha fin qui raccolti 16, contro i 14 della Pergolettese. Segno, forse, che il 4-3-3 ordito da Lucchini (alla sua prima esperienza sulla panchina di una prima squadra) inizia a dare i suoi frutti, grazie anche al discreto mix di esperienza e gioventù che la rosa presenta.

Triestina, dubbi a centrocampo per Bucchi

La Triestina è sicuramente in crescita, anche se per il momento i risultati del campo sono ancora piuttosto discontinui, soprattutto a causa della scarsa concretezza in fase offensiva. Elementi che sono legati sicuramente alle numerose assenze fin qui fronteggiate da Bucchi e alle non eccellenti condizioni dei due elementi che dovrebbero, più di tutti gli altri, trasformare in reti le manovre dei compagni, Litteri e Trotta. I passi avanti si vedono nel gioco e nelle occasioni create, che sono sempre piuttosto numerose per l’Unione, anche grazie alle qualità di un Galazzi che cresce di settimana in settimana e grazie ad alcuni rientri (quelli di Gomez e Giorico e quello, seppur ancora a mezzo servizio, di Sarno) che permettono a Bucchi di sfruttare un ventaglio di soluzioni piuttosto ampio.

Anche contro la Pergolettese ci saranno però diverse assenze: oltre ai soliti assenti tristemente di lungo corso, mancheranno anche Crimi, squalificato per un turno, e i difensori Negro e Capela, alle prese con problemi fisici. In difesa, a fianco di Ligi e di capitan Lopez, dovrebbe quindi esserci il rientrante Volta. Il dubbio principale riguarda la mezzala destra: a chi affidare i compiti di corsa e di recupero di Crimi per permettere a Giorico di esprimersi al meglio in regia? A disposizione di Bucchi non ci sono giocatori con simili caratteristiche e, dunque, le alternative sarebbero Giorno (che rischia però di “pestarsi i piedi” con Giorico), Paulinho – che dal punto di vista dell’equilibrio tattico appare forse il più idoneo – o Procaccio, con quest’ultimo che rischia però di dare un assetto troppo sbilanciato. Pochi dubbi invece su Rapisarda, a destra, Iotti a sinistra e Galazzi alla mezzala, mentre de Luca e Gomez dovrebbero reggere l’attacco.
E.R.

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore