18.3 C
Trieste
martedì, 4 Ottobre 2022

Triestina, trasferta a Verona con le solite assenze

09.10.2021 – Si avvicina il fischio d’inizio dell’ottava giornata di campionato, in cui la Triestina dovrà affrontare la trasferta in terra veneta, precisamente allo stadio “Mario Gavagnin-Sinibaldo Nocini” di Verona dove, domani (domenica 10 ottobre) alle 14,30 gli alabardati saranno opposti alla Virtus di Luigi Fresco. A dirigere la gara sarà il signor Scarpa di Collegno, mentre i suoi assistenti saranno Pressato di Latina e Petrica Filip di Torino, con Nuzzo di Seregno designato come quarto ufficiale di gara.

Virtus, inizio a handicap, Hallfredsson il rinforzo

Inizio deludente, quello della Virtus Verona del presidente-allenatore Luigi Fresco che, nelle prime 7 giornate di campionato, ha raccolto appena 4 punti, frutto di altrettanti pareggi e di 3 sconfitte, che collocano i rossoblù al penultimo posto in classifica, davanti alla sola Pro Sesto. In più, nella scorsa giornata, per Danti e compagni è arrivata la sconfitta, dopo 4 pari di fila, contro la Pro Patria. Per risollevare le sorti della compagine veronese, la società ha puntato sull’inserimento dell’esperto islandese Hallfredsson, 37 anni di cui 14 trascorsi in Italia tra Reggina, Verona, Udinese, Frosinone e Padova.

Lo schieramento di base di Luigi Fresco è il classico 4-3-1-2 a rombo, in cui l’Arma letale è (nomen omen) l’ex alabardato Rachid, da sempre giustiziere della Triestina quando ha affrontato la sua ex squadra da avversario. Accanto a lui si alternano i vari Danti (impiegato spesso da trequartista), Pittarello, Carlevaris (triestino ed ex San Luigi) e Marchi. Meno variabile il reparto arretrato: a proteggere Sibi o Giacomel sono pressoché fissi Daffara, Cella, Pellacani e Zugaro. Più rotazione a centrocampo, dove a parte Lonardi e Zarpellon, rispettivamente vertice basso e alto del centrocampo, hanno trovato spazio più o meno tutti gli uomini di Fresco, che domani dovrebbe avere l’intera rosa a disposizione e potrà contare su un ventaglio piuttosto ampio di scelte.

Triestina, ancora tante assenze, ma c’è Iotti

Per la Triestina, invece, la situazione è ben diversa. Gli alabardati sembravano essersi sbloccati, grazie ai due successi in sequenza su Lecco e Pro Sesto, ma il trittico lombardo di Bucchi si è chiuso con la beffarda sconfitta in casa contro l’Albinoleffe, che ha lasciato qualche strascico morale sulla formazione giuliana, ancora scottata dal risultato. Le assenze sono ancora tante, ma per la trasferta scaligera Bucchi avrà a disposizione due uomini in più: ci sarà infatti il neotesserato Patrick, ma insieme a lui rientrerà tra i disponibili anche Iotti. Inizialmente squalificato per due turni, infatti, il laterale ha visto ridurre la propria squalifica a una sola giornata, già scontata contro l’Albinoleffe.

Per gli alabardati, dunque, dovrebbe essere di nuovo 3-5-2. Tra i pali ormai è una certezza Martinez, con Lopez che dovrebbe riprendere il suo posto sul centrosinistra della retroguardia, affiancando Ligi e Capela. In mediana, potrebbe essere confermata la cerniera centrale formata da Procaccio, Giorno e Galazzi (con Crimi in corsa per una maglia), mentre Rapisarda e il rientrante Iotti dovrebbero occupare le fasce. In avanti, con de Luca probabile l’impiego di Trotta, con di Massimo a insidiare l’ex Frosinone per una maglia da titolare.
E.R.

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore