Cuccioli di capriolo “abbandonati”, appello ENPA: “Non toccateli”

27.05.2021 – 12.20 – L’ENPA di Trieste lancia un appello ai cittadini che, durante una passeggiata in Carso o nelle campagne, dovessero imbattersi in uno o più cuccioli di capriolo apparentemente abbandonati. “Anche quest’anno” scrive in infatti l’ente in una nota, “sono arrivati presso il CRAS ENPA di Trieste due cuccioli di capriolo che non avevano necessità di essere prelevati dal luogo dove si trovavano”. Quest’anno, continua la nota, “le femmine di capriolo hanno partorito nella prima metà di maggio, e come di consueto i cuccioli durante il giorno vengono lasciati soli nell’erba, anche per proteggerli da eventuali predatori, uomo compreso. Non sono perciò abbandonati: la madre li raggiunge, anche dopo molte ore, per allattarli all’alba e al tramonto, e non si avvicinerà se avvertirà nella zona presenze indiscrete”.
Cosa fare dunque nel caso in cui si vedano dei cuccioli nell’erba? “Chiunque li veda nelle nostre zone”, continua l’ENPA, si allontani in silenzio, tenga al guinzaglio i cani e nel caso di qualche dubbio ci chiami al 3391996881 (dalle ore 08.00 alle ore 20.00) o chiami la forestale (solo in caso di cucciolo ferito è previsto il recupero e il conferimento presso CRAS).