Joel Giangrande rieletto presidente del Leo Club di Trieste

23.04.2021 – 09.50 – E’ stato eletto il nuovo direttivo del Leo Club Trieste, i giovani Lions. L’associazione, leader del volontariato giovanile sul territorio triestino, ha riconfermato il Presidente Joel Giangrande che esprime in una nota: “Quest’anno abbiamo tracciato un sentiero chiaro da percorrere ed il Club si è rapidamente duplicato con 35 giovani volenterosi che si impegnano nel sociale con passione e dedizione. Ci rivolgiamo a tutti i giovani triestini – continua Joel – che vogliono crescere nella solidarietà e nella leadership. La nostra garanzia? Il bene che compiamo giorno dopo giorno. Essere un Leo significa investire sulla propria giovinezza, scoprire uno stile di vita che mira a costruire e mai a distruggere perché un Leo è pronto ad aiutare chi ha bisogno”, conclude il presidente.
L’obiettivo del prossimo anno è di avvicinare il Leo Club all’università ed ai suoi dipartimenti: “la nostra fratellanza accompagnerà giovani capaci e pronti a diventare leader del bene”- conclude Joel.
Il vice presidente Emmanouil Dalampelas tiene a ricordare: “La volontà è ciò che conta nell’associazione. Volontà di impegnarsi, volontà di aiutare, volontà di esserci per chi ne ha davvero necessità. Non è il prestigio ciò che ricerchiamo ma aiuti concreti che possano fare la differenza. Questo è il messaggio che vogliamo trasmettere a tutti i ragazzi: la vita di un giovane è spesso molto attiva, tra istruzione, hobby, amicizie e vita sentimentale vogliamo dimostrare che ricavare uno spazio per aiutare gli altri è non solo fondamentale ma anche estremamente gratificante.”
Il direttivo eletto è ricco di studenti ed universitari: Virginia Camber e David Dell’Ominut alla segreteria, Leonardo Bratos alla tesoreria, Rodolfo Tlustos alla cerimoneria, Beatrice Parentin che viene riconfermata capo dell’ufficio stampa e Susanna Reina che diventa Social Media Manager. Sono inoltre elette le figure apicali della nostra espansione in Università, i consiglieri Leonardo Comito, Luca Grieco e Davide Devetak.