22.8 C
Trieste
lunedì, 8 Agosto 2022

Università Trieste e Udine: cresce la richiesta di supporto psicologico tra gli studenti

20.12.2020 – 16.30 – Sono stati sopratutto gli studenti tra i 25 e i 29 anni d’età, iscritti alle Università di Trieste e di Udine, ad avere richiesto l’attivazione di un colloquio tramite i servizi di supporto psicologico dei due atenei. I dati emergono dalla relazione redatta dall’Agenzia regionale per il diritto agli studi superiori (Ardiss), illustrati nel corso di una videoconferenza per fare il punto sul servizio ormai giunto al decimo anno di età.
“Dalla paura del contagio ai disagi legati alle limitazioni, restrizioni e vincoli nella vita quotidiana vissuti in questi mesi, è dovere delle istituzioni tentare di intuire quali sono gli accorgimenti più utili affinché queste attività rafforzino il loro ruolo di prezioso punto di riferimento per gli studenti”, ha commentato l’assessore all’Istruzione, Università e Ricerca, Alessia Rosolen. “Il Servizio psicologico ha supportato gli studenti che si trovavano nelle case dello studente” continua l’assessore “lontani dalle loro famiglie, nella gestione di eventuali sintomatologie da isolamento, nella prevenzione e nel monitoraggio di potenziali situazioni di rischio. L’attività svolta costituisce una vera a propria consulenza verso un percorso di recupero della propria fiducia e autostima”.

In totale sono stati oltre duemila i colloqui psicologici individuali effettuati, registrati alla data del 30 novembre, 882 a Udine e 1253 a Trieste. Inoltre, nel richiedere l’attivazione di un incontro – richiesta che risulta essere in progressivo aumento – sono risultate essere le ragazze quelle più intraprendenti. Numeri significativi che, continua Rosolen, “inducono a ritenere opportuno il potenziamento del servizio anche in termini di coordinamento con altre realtà del territorio”.
“L’obiettivo dell’iniziativa era valutare un servizio ormai consolidato ma che, anche alla luce degli effetti dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, è ragionevolmente destinato ad assumere un ruolo maggiore per sostenere e accompagnare gli studenti lungo il loro percorso di maturazione e crescita personale, formativa e sociale” ha concluso l’assessore.

e.b

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore