Nicolas, sedici anni e la passione per il disegno digitale

11.04.2020 – 13.30 – Nicolas Virno ha 16 anni e frequenta il Liceo Galilei di Trieste. Un paio di anni fa ha scoperto la sua passione per il disegno digitale e ora, grazie al fatto di avere l’orario scolastico ridotto, ha più tempo per dedicarsi a questa attività, specialmente la sera, momento molto creativo per lui.
Gli chiediamo: come trovi l’ispirazione per i tuoi disegni?
Nicolas: non è sempre facile trovare chi o cosa rappresentare perché dipende da molti fattori. A volte mi è capitato di attendere settimane prima di trovare una nuova ispirazione o una nuova idea da disegnare. Da quando hai scoperto di avere la passione per il disegno e com’è iniziata?
Nicolas: A dir la verità mi è sempre piaciuto passare del tempo disegnando ogni tipo di personaggio, specialmente soggetti femminili o con tratti del medesimo. E’ iniziato tutto quando in TV ho visto una serie animata di cui avevo un bel ricordo dalla mia vacanza in Spagna, ovvero Miraculous: Le storie di Ladybug e Chat Noir. Il cartone in sé era spettacolare e con un design dei personaggi davvero affascinante. Così ho iniziato ad immaginare i miei compagni di classe delle medie come dei supereroi del cartone ed ho disegnato per ognuno di loro un Miraculous, ovvero un gioiello magico da indossare per trasformarsi in eroe, ed un kwami, un esserino piccolo e magico che permettesse la trasformazione dell’eroe. All’inizio erano soltanto degli schizzi a matita che poi digitalizzavo con il semplice programma Paint che avevo preinstallato sul computer a casa usando il mouse, cosa che molti ritenevano impossibile. Arrivati alla fine dell’anno tutti i miei compagni avevano, simbolicamente parlando, un miraculous me compreso; ho ideato i miei amici come eroi perché sono stati forse i migliori compagni che avessi potuto desiderare con cui passare i tre anni delle medie.
Stai coltivando questa passione da autodidatta o segui qualche corso?
Nicolas: Devo dire che in molti mi hanno consigliato di seguire dei corsi col passare degli anni ma io sono sempre stato autodidatta in questo campo. Ho provato a seguire alcuni corsi/video tutorial ma venivano spiegati particolari tecnici sull’uso dei pennelli, la gestione del/dei soggetto/i ecc. ma non ho mai visto dettagli utili per me. Avrebbero solo complicato la cosa. L’unica cosa che ho fatto è stata quella di cercare delle applicazioni migliori e di trovare delle fonti differenti di Miraculous. Tra queste ho ritrovato un vecchio cartone che amavo da piccolo, Code Lioko, e il famoso cartone di Steven Universe, col quale ho iniziato a lavorare di recente, disegnando i mie amici del liceo, che attualmente frequento, come gemme del cartone animato, ognuno dei quali ha una storia e un potere o un’arma.


Pensi che questa tua passione potrà trasformarsi, un domani, in un lavoro?
Nicolas: “
Parlando di lavoro penso che, affinano le mie abilità e provando programmi sempre più potenti ed attrezzati credo di sì. Si potrebbe trovare facilmente posto per la realizzazione di personaggi animati per serie TV dedicate ai più piccoli o si potrebbe tentare di entrare a far parte di un team di disegnatori di un videogioco inedito. Migliorando potrei provare ad intraprendere questa strada anche se la mia passione principale rimane la branca del doppiaggio cinematografico.
Quando disegni hai in mente qualcosa o ti lasci prendere dall’improvvisazione?
Nicolas:
Principalmente mi lascio prendere dall’improvvisazione. Ovviamente se si tratta dei lineamenti di un personaggio penso sempre a che forma fargli prendere ma, per quanto riguarda le decorazioni, gli indumenti ecc. solitamente non bado molto a regole e direttive, lascio semplicemente andare il mouse secondo i miei gusti e, se poi non mi piace, cancello e rivedo la mia idea originale modificandola.