26.8 C
Trieste
mercoledì, 10 Agosto 2022

“Trieste, ritratti femminili”: le donne nell’arte del primo Novecento

23.12.2019 – 12.45 – La donna è forse uno dei soggetti maggiormente rappresentati nella storia dell’arte; nei musei e nelle gallerie, infatti, ad essere esposti sono spesso quadri ritraenti soggetti femminili dei quali vi è stata sicuramente una prolifica produzione nel corso della storia, trasversale a molteplici correnti. Proprio il tema della ritrattistica femminile sarà al centro del prossimo appuntamento nell’ambito della rassegna “Storie nell’arte“, dal titolo “Trieste, ritratti femminili“, organizzato e promosso da Bonawentura – Teatro Miela in collaborazione con il Comune di Trieste ed il Museo Revoltella, dove l’evento sarà in programma sabato 28 dicembre alle ore 17.30, domenica 29 dicembre alle ore 11.30, venerdì 3 e sabato 4 gennaio alle ore 17.30. 
Il Museo Revoltella raggruppa al quinto piano le opere di numerosi artisti attivi a Trieste nei primi decenni del Novecento; tra questi è presente anche una particolare e ricca collezione di ritratti femminili dipinti da artisti quali Bruno Croatto, Marcello Dudovich, Piero Marussig, Edmondo Passauro, Carlo Sbisà, Dyalma Stultus. Ma quali sono le storie che si celano dietro a questo mondo borghese e agli studi dei pittori? Amore, potere, moda, mistero e ironia trapelano dalle tele appese alle pareti e vengono messi in luce attraverso il testo di Corrado Premuda, il quale verrà recitato da Sara Alzetta, già in precedenza interprete di “Guardiana dei sogni. Variazioni su Leonor Fini“, e che attraverso la sua voce animerà le opere presenti nel museo.

Se la maggior parte delle donne ritratte è senza nome” spiega Corrado Premuda “di alcune invece conosciamo l’identità perché sono state a loro volta artiste e protagoniste della Trieste di inizio Novecento: Marion e Wanda Wulz, Felicita Frai, Delia Benco, per esempio. Il testo vuole indagare le figure femminili come oggetto dei quadri ma anche come soggetto attivo della vita e della società della nostra città.” 

E’ possibile richiedere informazioni ed effettuare la prenotazione dal lunedì al venerdì al Teatro Miela, dalle ore 9.00 alle ore 13.00 o dalle ore 17.00 alle ore 19.00 escluso i festivi. Il biglietto ha un costo di 10 euro; la durata dello spettacolo è di 50 minuti circa.

 

 

spot_img
Avatar
Nicole Petruccihttps://www.triesteallnews.it
Giornalista iscritta all'Ordine del Friuli Venezia Giulia. Direttrice responsabile

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore