A Muggia, Jack si reinventa. “Jack Traditional Tattoo” per nuove sfide

18.11.2019 – 21.00 – Fino al giorno prima la certezza che l’indomani la sveglia sarebbe suonata sempre alle 7 e che dopo il caffè si sarebbe andati al lavoro, poi d’un tratto arrivano le notizie del lavoro che diminuisce e dell’azienda in difficoltà. Le docce fredde, in questo periodo post crisi economica arrivano quotidianamente ai lavoratori e, negli ultimi anni, abbiamo scoperto che il nostro territorio non è al sicuro da crisi aziendali. Oggigiorno quando si perde il lavoro, l’unica strada pare sia reinventarsi cercando di acquisire nuove competenze spendibili sul mercato del lavoro.

Di sicuro è più facile a dirsi, “farsi” un po’ meno. Proprio per questo motivo scoprire la storia di Giacomo, il giovane titolare del nuovo studio di tatuaggi “Jack Traditional Tattoo Studio” a Muggia, che ha deciso di rilanciare il suo futuro lavorativo dopo che non c’erano più prospettive con la sua precedente occupazione, porta fiducia. “L’idea di aprire uno studio di tatuaggi è nata dal momento in cui ho capito che questa forma d’arte poteva avere un punto di riferimento anche a Muggia” racconta Giacomo “la passione per il disegno è divenuta un mestiere quando il bisogno di espressione artistica era implacabile e a quel punto con grandi sacrifici è iniziata questa avventura”. Dopo un corso di formazione, Giacomo ha trasformato in una professione questa forma artistica che negli ultimi anni ha visto una crescita importante: nel 2017 risultavano in Italia ben 4mila studi professionali aperti, 2700 in più rispetto al 2012.

[n.m.]