Trieste Next 2019: “Big Data, Deep Science”

18.09.2019 – 16.40 – Si è tenuta questa mattina, alle ore 11.00, nella sala Tergeste del Comune di Trieste, la conferenza stampa per la presentazione dell’ottava edizione di Trieste Next 2019, il festival dedicato alla ricerca scientifica che si terrà nel capoluogo giuliano dal 27 al 29 settembre in Piazza Unità d’Italia.
“Big Data, Deep Science” è il titolo di questa ottava edizione: il futuro della ricerca e dell’uomo nell’epoca dell’intelligenza aumentata. Tema, questo, attraverso il quale si andrà ad approfondire la sempre maggiore importanza dei big data nell’ambito della ricerca scientifica, nonché la conseguente nascita di nuovi approcci e paradigmi come la deep science e la creazione di strumenti quali l’intelligenza aumentata, spaziando tra i campi di ricerca più disparati. Saranno quinti tre giorni dedicati all’intelligenza artificiale e alle implicazione che essa avrà in tutti gli ambiti dell’attività umana. Un appuntamento unico nel panorama italiano che riconferma l’importanza del polo scientifico di Trieste.

A presentare i punti salienti di questa ottava edizione, sono intervenuti alla conferenza stampa di oggi Angela Brandi, assessore all’educazione, scuola, università e ricerca del Comune di Trieste, Roberto Di Lenarda, rettore dell’Università degli Studi di Trieste, Antonio Maconi, direttore di Trieste Next, Carlo Baccigalupi, professore di fisica della SISSA, Maria Cristina Pedicchio, presidente di OGS, Serena Mizzan, direttore dell’Immaginario Scientifico, Sergio Paoletti, presidente di Area Science Park, Stefano Fantoni, presidente Fondazione Internazionale Trieste per il Progresso e la Libertà delle Scienze (FIT) e Pierpaolo Roberti, assessore regionale alle Autonomie locali, Funzione pubblica, Sicurezza e Immigrazione della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.

Anche in questa edizione, Trieste Next ospiterà grandi figure di spicco del panorama nazionale ed internazionale come il fisico Marc Mézard, direttore della Scuola Normale Superiore di Parigi, con la conferenza dal titolo “Verso l’era dell’intelligenza aumentata“, Peter Wadhams, docente di Fisica degli oceani dell’Università di Cambridge che discuterà di cambiamento climatico nella keynote lecture “Farewell to ice“, Luca Attias commissario straordinario per l’attuazione dell’Agenda Digitale che analizza i progressi fatti dal nostro paese in materia di sviluppo digitale. E ancora Federico Faggin, fisico, imprenditore e inventore del primo microprocessore commerciale al mondo che ha contribuito a creare il moderno touch screen, che approfondirà il tema delle intelligenze dell’uomo e del computer assieme a Gabriele Beccaria, coordinatore editoriale di Tuttoscienze de La Stampa. Si parlerà poi ancora di intelligenza artificiale con Fabrizio Renzi, direttore della ricerca di IBM Italia nel suo talk dal titolo “Intelligenza artificiale o intelligenza aumentata?” a cui parteciperà anche Alessandro Vitale, amministratore delegato e fondatore di Conversate, autore di Artificial intelligence (Egea). Sempre in tema, Marco Landi, ex presidente di Apple, proporrà un talk dal titolo “Digital revolution: ieri, oggi e… domani.”

Trieste Next, che si aprirà ufficialmente venerdì 27 settembre alle ore 11.00 con la cerimonia di apertura – in concomitanza con la Notte Europea dei Ricercatori – proporrà come di consueto un ricchissimo calendario di laboratori, incontri, mostre e appuntamenti, nonché molteplici attività per le scuole che si concentreranno nella mattinata di venerdì. Nello specifico, gli appuntamenti, come indicato dal titolo stesso di questa ottava edizione, ruoteranno attorno al tema dei Big Data, spaziando in diversi ambiti di ricerca: salute; intelligenza biologica, artificiale e aumentata; impresa; ambiente; cosmo; informazione, filosofia ed arte.

I luoghi che ospiteranno il festival saranno – oltre la sede principale in Piazza Unità d’Italia che ospiterà la struttura con gli stand delle attività ed i laboratori proposti dai vari enti, e dove vi sarà la presenza dell’Area Talk – il Teatro Miela, la sede della Regione Friuli Venezia Giulia, il Museo Revoltella, lo Starhotels Savoia Excelsior Palace e l’Auditorium del Museo Revoltella. Nel Villaggio Trieste Città della Conoscenza durante i giorni della manifestazione si terranno i laboratori e gli esperimenti scientifici per tutte le età curati dagli enti del protocollo Trieste Città della Conoscenza, mentre al Caffè Tommaseo si svolgerà il Caffè delle Scienze.

Inoltre, tra i numerosi appuntamenti, anche uno d’eccezione con “N/R Laura Bassi”, la nuova nave rompighiaccio dell’Istituto di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS che sarà inaugurata e presentata al pubblico in anteprima assoluta durante il festival. Infine, fra gli highlight da segnalare, anche la riflessione di grande attualità proposta dall’Università di Trieste dal titolo “La sicurezza dei ricercatori all’estero” che vedrà fra i protagonisti Giorgio Sclip, membro del focal point Italia per l’agenzia per la sicurezza e la salute sul lavoro e l’appuntamento al museo Revoltella dal titolo “AI – ironia artificiale“.

Tutti gli eventi sono a ingresso libero, con prenotazione online sul sito di Trieste Next. Qui il programma completo.