Olimpiadi di Economia e Finanza, premiazioni. Un progetto “triestino”

24.05.2019 – 11.03 – Il mondo della finanza rimane per molti (troppi) un mistero, le cui conseguenze vengono avvertite nella vita di ogni giorno, a ogni crack finanziario, a ogni crisi economica, ormai a cadenza decennale. È dunque fondamentale, nelle intenzioni delle Olimpiadi di Economia e Finanza, che di questi argomenti il cittadino abbia una conoscenza approfondita e quale modo migliore se non iniziare dalle giovani generazioni, preparando il terreno a crescere soggetti responsabili e consapevoli. Un obiettivo che si può affermare raggiunto, a conclusione della finale della prima edizione di queste Olimpiadi, svoltesi proprio a Trieste, con la promozione del MIUR e l’organizzazione del Liceo Carducci Dante di Trieste. E quale migliore cornice se non la Centrale Idrodinamica del Porto Vecchio, combinazione di arte&industria di un secolo prima. Immediata la reazione delle scuole, che hanno partecipato con 300 Istituti di tutta Italia e oltre 7600 studenti.

I finalisti, tredici ragazzi dei primi tre anni di tutti gli ordini di studio, hanno superato le tradizionali fasi ‘olimpiche’: quelle di istituto prima e quelle regionali dopo.
Gli argomenti con cui si sono cimentati hanno riguardato i diversi livelli di padronanza delle competenze di economia e finanza, con riferimento anche agli obiettivi di Financial Literacy delle prove OCSE PISA, proprio perché obiettivo principale della competizione è stato avvicinare le studentesse e gli studenti alle questioni economiche, finanziarie e sociali che riguardano la contemporaneità e cercare di valorizzare il merito nell’ambito delle competenze economiche, finanziarie e di cittadinanza attiva.

I sei vincitori (tre per la categoria Junior, tre per la categoria Senior ) sono stati decretati (nella mattinata di giovedì 23 maggio) nell’Aula Magna del Liceo Carducci Dante al termine della gara finale. La cerimonia di premiazione è avvenuta alla presenza di esponenti del MIUR e della dott. Annamaria Lusardi, Direttore Comitato Educazione Finanziaria.

L’Olimpiade ha visto anche una manifestazione culturale dedicata ai temi dell’educazione economica e finanziaria a scuola dal titolo: “E+F, La Piazza delle Idee” (mercoledì 22 maggio) presso la Centrale Idrodinamica nel Porto Vecchio, messa gentilmente a disposizione dal Comune di Trieste, Assessorato all’Istruzione.
In quell’occasione, con ingresso libero, sono stati proposti alcuni temi ed attività laboratoriali, studi di caso e riflessioni riguardanti, tra l’altro: l’educazione finanziaria, la storia dell’economia, le tecnologie didattiche innovative, i serious games e la loro efficacia formativa, lo sviluppo dei processi scientifici-tecnici e storici a seguito dei quali un territorio si configura, i rapporti tra città e contesto europeo.

Nella giornata della cerimonia di premiazione è stato possibile visitare due percorsi espositivi, uno a cura del CNR, dedicato alla figura di Vito Volterra, matematico e fisico italiano, noto soprattutto per i suoi contributi alla biologia matematica e l’altro, quello di Carlo VI, il Porto Franco e Trieste, un lavoro costruito dagli studenti del Liceo. Di particolare interesse inoltre lo spazio di approfondimento dedicato a Leonardo e allo sviluppo del pensiero scientifico in Europa e collocato nelle celebrazioni del cinquecentenario che concluderà la giornata finale.

PREMIATI:
CATEGORIA SENIOR
1 classificato: Filippo Paladini Istituto Tecnico Economico Tecnologico “Bramante Genga” di Pesaro
1 classificato: Giorgia Castiglione Liceo Scientifico “Luigi Siciliani” di Catanzaro
3 classificato: Tommaso Capriotti Liceo Scientifico “Marie Curie” di Giulianova

CATEGORIA JUNIOR
1 classificato: Alice Bianco Istituto Tecnico Statale “Grazia Deledda” di Lecce
2 classificato: Luca Merante Liceo Scientifico “Luigi Siciliani” di Catanzaro
3 classificato: Filippo Morari Liceo “Fabrizio De André” di Brescia