Energia: gli italiani non vogliono risparmiare in bolletta.

26.11.2018 | 09.10 – La priorità per gli italiani, quando si parla di bollette di energia elettrica e gas, non è il risparmio. Strano, ma vero. Emerge da un’indagine europea, condotta anche sul nostro territorio nazionale, la notizia di come l’interesse principale di un utente medio sia la sicurezza. L’indagine ha analizzato la conoscenza, l’utilizzo e le preferenze dei consumatori nei confronti della Tecnologia Domestica; ma cosa si intende, propriamente, per Tecnologia Domestica?

Molto semplice: con il termine Tecnologia Domestica si fa riferimento a tutte le apparecchiature che rendono la nostra casa più intelligente (da qui il termine Smart Home , che inizia a essere molto diffuso). Quindi, quando si fa riferimento alla sicurezza, si intendono tutte le apparecchiature come allarmi, telecamere, sensori e via dicendo che rendono la casa un luogo più sicuro e al tempo stesso all’avanguardia.
Smart Home, inoltre, non vuol dire solo tecnologia, ma anche risparmio e bollette meno pesanti. Un altro studio, questa volta condotto in Italia, ha dimostrato che l’85% degli italiani sostiene che in futuro l’Italia dovrebbe puntare sull’energia solare e il 67%, invece, reputa di dover investire su quella eolica. Il futuro dell’energia sarò quindi dominato dalle fonti rinnovabili. La maggior parte dei cittadini, però, sostiene anche che utilizzare queste fonti di energia sia ancora troppo costoso a livello di investimento personale (per chi decide di installare il fotovoltaico, per esempio, il piano di ammortamento si aggira attorno ai 10 anni, se tutto va bene), senza tener conto della burocrazia lenta e complessa che rende unica l’Italia.

Ma quali sono le cause che spingono a scegliere le fonti rinnovabili piuttosto che le fonti tradizionali?

Ciò che spinge le persone a scegliere una fonte rinnovabile piuttosto che una tradizionale è proprio l’attenzione alla sicurezza e alla salvaguardia dell’ambiente. Il rinnovabile, però, costa di più.
Negli anni Novanta l’Italia, ha detto ‘no’ al nucleare, ritenuto non sicuro per le persone e l’ambiente, ma i nostri vicini di casa, come la Francia in primis (la quale, tra l’altro, non ha sempre provveduto puntualmente alla corretta manutenzione degli impianti, tenuti fermi per molto tempo e causa dell’aumento dei prezzi vertiginoso che abbiamo subito negli ultimi 12 mesi) e anche la Slovenia, producono energia elettrica da fonti nucleari. Il problema di tutto questo, per le nostre tasche, è che l’Italia per far fronte alla domanda di energia elettrica si trova costretta ad acquistarla dall’estero e acquista proprio l’energia nucleare a cui noi abbiamo rinunciato.
Se si dovesse verificare, nei paesi nostri vicini di casa, una catastrofe, il nostro paese risentirebbe del danno ambientale. Gli italiani sono quindi più sensibili alla salvaguardia dell’ambiente e ci tengono alla loro salute e alla sicurezza ambientale; tutto bello, rimane però il problema dei costi ancora troppo alti per potersi permettere di fare i moralisti e dare ascolto solo alla propria coscienza e non solo al proprio portafoglio.

In altre parole, gli italiani vorrebbero essere più green a livello energetico, ma costa troppo. Analizzando tutti questi aspetti, possiamo dire che oggi prendere la decisione di diventare più “green” è una decisione sì da supereroi, ma è anche necessaria se si vuole preservare non solo il nostro pianeta, la nostra vita e quella futura dei nostri figli.
Supereroi non si nasce, si diventa. Oggi è più semplice che mai: basta scegliere i fornitori di energia che garantiscono energia elettrica e gas derivante da fonti rinnovabili e a costo zero. Ci si mette in pace con la propria coscienza, non si apre troppo il portafoglio e si entra in un’ottica di salvaguardia dell’ambiente.

Certo, scegliere il fornitore di energia potrebbe essere complesso alle volte, ma esistono delle opportunità molto interessanti che consentono non solo di rendere la vita più “green”, ma anche di portare la bolletta a zero grazie a dei piani di incentivi interni.

A questo punto, non ci sono scuse e la scelta è soltanto tua. Vuoi rendere la vita dei tuoi figli più ecologica e sostenibile? Vuoi evitare di fare degli investimenti dei quali vedrai i risultati solo dopo 10 anni? Vuoi pensare alla tua bolletta di energia e gas non solo come una tassa, ma come un’opportunità per poter dire: “Anch’io do il mio contributo per un futuro migliore! Un futuro più Green!”, avendo addirittura la possibilità di poter ottenere dei risparmi interessanti?

Allora scegli anche tu di diventare un Supereroe del Green!

Manuel Flaugnacco

[articolo sponsorizzato]