10 C
Trieste
sabato, 10 Dicembre 2022

Roberti risponde a Caritas e Ics sui migranti: “problema accoglienza drammatico, creare conflitti svia l’attenzione sul dramma”

9.11.16 | 22.55 – Il vicesindaco Pierpaolo Roberti interviene nuovamente sulla vicenda dello sgombero dei migranti dal Silos rispondendo al comunicato congiunto di Ics e Caritas, chiamate in causa dallo stesso Roberti che aveva “accusato” le due associazioni di aver “abbandonato” i rifugiati (del silos) a loro stessi, pur percependo un compenso per l’assistenza.

L’accusa era stata rigettata dai due enti che avevano puntualizzato come l’assistenza alle persone presenti nel Silos fosse stata svolta esclusivamente a titolo gratuito, trattandosi di “soggetti senza destinazione”.

Nel comunicato di ieri, i due sodalizi avevano anche lanciato una frecciatina polemica, scrivendo: “spiace constatare ancora una volta come molti (…) ancora non abbiano compreso appieno come funziona il sistema di accoglienza proposto dallo Stato Italiano”… , ribadendo però la forte necessità di diminuire il numero delle presenze di richiedenti asilo sul territorio comunale.

( Don Alessandro Amodeo, direttore della Caritas e Gianfranco Schiavone dell'ICS)
( Don Alessandro Amodeo, direttore della Caritas e Gianfranco Schiavone dell’ICS)

Arriva oggi la replica di Roberti : “Il problema della gestione dell’accoglienza c’è ed è molto più drammatico di quello che si possa pensare, ed è irresponsabile chi continua a voler spazzare la polvere sotto il tappeto cercando di creare conflitti tra soggetti istituzionali ed enti che si occupano dell’accoglienza per sviare l’attenzione da questo dramma che, sia come Lega Nord che come maggioranza, abbiamo sempre denunciato e continueremo a fare”.

“L’azione che abbiamo portato avanti con lo sgombero degli immigrati al Silos va sia nella direzione di garantire la dignità a queste persone che nel portare all’evidenza il problema e costringere chi di dovere, come il Governo, ad intervenire. Cercare di politicizzare la questione spostando l’attenzione su conflitti tra Comune, Ics e Caritas, non ha motivo di
essere.“Ciò che ho dichiarato nel post – continua Roberti – è un concetto semplice quanto tangibile, ma evidentemente qualcuno preferisce stravolgerne il significato. Le strutture di Ics e Caritas sono ormai al collasso ed il loro aiuto a queste persone può limitarsi nel fornire dei pasti ed una assistenza (come scritto) marginale. Non è più accettabile che si parli di emergenza quando questa situazione, che dura ormai da anni, è diventata cronica. Questo dato, estendibile a tutto il Paese ed in particolare alla nostra città, che già ospita più del doppio dei richiedenti asilo rispetto alla media nazionale, si può spiegare solo con l’interesse economico (come scritto) che si alimenta con l’immigrazione incontrollata.”

“Non ho alcun motivo di dubitare che Ics e Caritas, come da loro sostenuto, abbiano dato assistenza a quei richiedenti asilo non percependo compenso. Ciò nonostante, noi, Paese occidentale e per definizione “avanzato”, non possiamo permettere queste situazioni da terzo mondo, con uomini che dormono tra i topi, nella sporcizia e al freddo. Per evitare questo bisogna avere il coraggio di far vedere, anche nella civilissimaTrieste, quale è e dove sta il problema, perché solo così lo si può affrontare e risolvere.”
“Il conflitto con Ics e Caritas non mi interessa né mi appassiona ma, anzi, invito queste strutture ad affiancarsi al Comune nella ferma richiesta che gli immigrati presenti sul territorio diminuiscano drasticamente di numero. Solo così, insieme, Comune, Prefettura, Ics e Caritas, potranno organizzare un’opportuna ed efficace accoglienza indirizzata a chi realmente fugge da una guerra.”

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore