9 C
Trieste
domenica, 4 Dicembre 2022

Deep Sea, dalla Croazia a Trieste per una marina ‘green’. Al via 19 stazioni di ricarica

24.11.2022 – 10.55 – L’azzeramento delle emissioni perseguito dal mondo occidentale prevede un’estesa elettrificazione; e non fa eccezione in tal senso l’antico mondo della marineria che si sta adeguando a nuovi motori e nuove soluzioni a impatto ambientale zero. Ne è un esempio il progetto, ormai in via di compimento, tra Trieste, Monfalcone e la Croazia: un ‘Interreg’ denominato ‘Deep Sea‘, avviato a gennaio 2019 e finanziato con fondi europei per oltre 2 milioni 500 mila euro. Molteplici gli attori protagonisti: si va dalla Camera di commercio Venezia Giulia, alla Camera di Commercio di Foggia, l’agenzia Rera per il coordinamento e lo sviluppo della Contea spalatino-dalmata, la Provincia di Foggia, le tre Università di Trieste, Fiume/Rijeka e Spalato/Split), la Municipalità di Foggia. Altri partner sono stati la Municipalità di Malinska Dubašnica e la public utility Ponikve Krk (isola di Veglia) e il marina Martinis Marchi (isola di Šolta).

Il progetto si proponeva di elettrificare quanto più possibile le marine sulle opposte sponde dell’Adriatico, con una riduzione delle emissioni e dell’inquinamento in generale.
Nella municipalità di Krk/ Veglia sono stati posizionati un microgrid, 3 stazioni di ricarica per auto e barche, rack per ricarica di biciclette elettriche. Nel comune di Malinska Dubašnica (nell’isola di Veglia) installati, invece, la stazione ricarica autovetture, una colonnina ricarica natanti, rack per ricarica bici elettriche con 1 sistema microgrid per la ricarica fotovoltaica. Nei marina della provincia di Foggia sul Gargano sono state realizzate quattro colonnine per autovetture e 2 per barche e 3 rack di ricarica di biciclette. Nella Venezia Giulia, è in fase di finalizzazione il posizionamento in marine fra Monfalcone e la costiera triestina di 3 colonnine per ricarica veicoli elettrici e 1 per imbarcazioni, 1 sistema microgrid e 2 rack di ricarica biciclette.

“Oggi si conclude – ricorda il presidente della Cciaa Vg, Antonio Paoletti – un percorso iniziato di 4 anni fa che, attraverso lo sviluppo di un modello basato su solide conoscenze scientifiche e testato sul campo, ha supportato gli operatori delle Marine e le Autorità Pubbliche locali nella progettazione e realizzazione di soluzioni di mobilità sostenibile sulle due sponde del Mare Adriatico”.

“La Regione Friuli Venezia Giulia – ha affermato Fabio Scoccimarro, assessore regionale alla Difesa dell’ambiente, energia e sviluppo sostenibile – sarà vicina a questo bellissimo progetto che unisce le sponde dell’Adriatico orientale ed occidentale per andare ad elettrificare le marine e dare un messaggio ecologico ancora più forte, fornendo anche a veicoli elettrici come auto e biciclette la possibilità di ricarica all’interno dei porti turistici. Per quanto riguarda i marina del Friuli Venezia Giulia penseremo a interventi compatibili con gli aiuti di Stato per dare un incentivo interessante”.

[z.s.]

spot_img
Zeno Saracino
Zeno Saracinohttps://www.triesteallnews.it
Giornalista pubblicista. Blog personale: https://zenosaracino.blogspot.com/

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore