8.4 C
Trieste
venerdì, 9 Dicembre 2022

Nations League, vittoria in Ungheria e primo posto, l’Italia è alle Final Four

27.09.2022 – 09:50 – L’Italia vince a Budapest e, con lo 0-2 inflitto all’Ungheria, vince il proprio girone della Nations League, a dispetto proprio dei magiari, superati dagli azzurri proprio in virtù dei 3 punti raccolti dalla banda Mancini nell’ultimo scontro diretto di stasera. Un successo che proietta l’Italia alla Final four della Nations League, in programma a giugno 2023 nei Paesi Bassi. L’Italia si schiera con il 3-5-2: Donnarumma in porta, Toloi, Bonucci e Acerbi in difesa, Di Lorenzo e Dimarco sulle fasce, Barella, Jorginho e Cristante cerniera mediana e la coppia Gnonto-Raspadori in avanti. La partenza è equilibrata, con i magiari di Rossi che mettono in campo trame di gioco interessanti e gli azzurri che si rendono pericolosi soprattutto sulle verticalizzazioni. Il gol di Raspadori al 28’, però, arriva da un errore in costruzione dei padroni di casa, con Gnonto che manda in confusione il portiere avversario Gulacs e la palla che arriva all’attaccante del Napoli che non sbaglia. L’Italia ci riprova e si rende pericolosa in altre occasioni, ma il raddoppio non arriva e si va al riposo sullo 0-1.
Nella ripresa, iniziata con l’uscita di Acerbi per il compagno di club Bastoni, l’Italia inizia cercando ancora il raddoppio sull’asse Dimarco-Di Lorenzo, ma anche rischiando di subire il pari, con Donnarumma costretto a salvataggi miracolosi nel giro di pochi istanti. Al 52’ arriva finalmente il gol: Barella avvia l’azione, Cristante taglia il campo e mette un pallone perfetto per l’accorente Dimarco, che trova il primo gol in azzurro. Gli azzurri continuano a giocare, ma i maggiori pericoli li crea l’Ungheria, fermata ancora da un ottimo Donnarumma che tiene la porta inviolata. Nel frattempo, c’è spazio anche per Scamacca, Pobega e, a tempo quasi scaduto, per Mazzocchi, con il risultato che però non cambia più: gli azzurri accedono quindi alla Final Four. Per l’Italia, dopo la delusione mondiale e le difficoltà degli scorsi mesi (illustrate dalle nette debacle contro Argentina e Germania), le ultime due uscite hanno regalato altrettante vittorie: un buon viatico per ripartire e costruire qualcosa di buono in vista del futuro.

[e.r. & g.t.]

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore