8.4 C
Trieste
venerdì, 9 Dicembre 2022

“Costruire futuro su basi solide”, il messaggio di Romairone in conferenza

29.09.2022 – Il presente è importante, ma ancora più importante è il futuro ed è su quello che si sta lavorando. Può essere riassunto così, per utilizzare poche parole, il messaggio veicolato da Giancarlo Romairone, direttore della Triestina, nella conferenza stampa di ieri – mercoledì 28 settembre – al “Nereo Rocco”. Una conferenza stampa convocata da Romairone per spiegare l’attuale momento della Triestina e il lavoro che la dirigenza sta svolgendo dietro le quinte, oltre alla visione di insieme che sottende al progetto alabardato.

L’inizio di stagione degli alabardati non è stato certo esaltante, con uno score fatto fino a questo momento di 4 pareggi consecutivi, tutti per 1-1. Ma questo, per Romairone, non mette assolutamente in discussione le qualità della squadra, che ha solo bisogno di tempo, secondo il dirigente. “La mia valutazione è di assoluta fiducia – ha confermato il dg – rispetto a quel che è nato, a quello che è ora e a dove potrebbe portare.”.

Il principio che guida il lavoro della Triestina in questa fase è quello di dare al progetto solidità: “Si sta cercando di dare un’impostazione molto più solida rispetto alla quotidianità, dando una mentalità, una cultura del lavoro, qualcosa di molto più complesso rispetto all’estemporaneità della giocata ad esempio di un singolo.”. Romairone spiega quindi quali sono queste basi e quale l’impostazione mentale con cui vi si approccia: “Le basi solide sono fatte di mentalità, di lavoro, iniziando con tanti volti nuovi e unendo le persone in un unico nucleo lavorativo. Oggi non mi interessa della partita di domenica, mi interessa che in spogliatoio si prosegua in un preciso percorso di lavoro.”.

Un approccio, quindi, che non punta all’immediato: non si sviluppa la singola partita, ma tutto un percorso che possa portare a una costanza: “Il lavoro è molto difficile ed impegnativo, lo sviluppo è molto più profondo che preparare la partita successiva. Noi tutti viviamo, chi in maniera più nascosta chi più aperta, il desiderio di fare una grande partita. Dobbiamo essere bravi a resettare tutto e pensare al fatto positivo di esser potuti tornare a casa ad allenarci.”. Questo a dispetto delle difficoltà fin qui incontrate: “Le difficoltà hanno portato a una grande unione nel gruppo, le problematiche ci sono ma queste vengono vissute con una voglia ancora maggiore, non come un peso.”.

Cosa dice, dunque, Romairone ai tifosi? “Quello che mi viene in mente è la frase del presidente quando disse ai tifosi di essere ambiziosi. Noi siamo contenti di metterci la faccia, consapevoli da un lato che il passato può portare a dei dubbi, dall’altro ancor più contenti di aver iniziato questa avventura. È la solidità a darti la strada nel tempo, l’obiettivo del presidente e di chi come noi ci mette la faccia, è lasciare un segno nel tempo e dare soddisfazioni alla piazza, alla città, a una tifoseria che ama alla follia questa maglia e ci incita, attraverso un percorso di lavoro che è molto più profondo di quanto si possa vedere in superficie” conclude Romairone.
[E.R.]

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore