25.3 C
Trieste
mercoledì, 17 Agosto 2022

Manager cercasi: turismo a gonfie vele in FVG, ma latitano i dirigenti

03.08.2022 – 09.29 – Il turismo di massa richiede figure apicali per gestirne il flusso: accanto alla manovalanza di camerieri e cuochi, addetti alle pulizie e receptionist, accomunati dalle (cattive) condizioni di contratto e salario, emerge sempre più necessaria la presenza di ceti intermedi, in grado di gestire il personale. Secondo un’indagine condotta da I.TER in collaborazione con Format Research oltre la metà (59,5%) degli alberghi e dei ristoranti del Friuli Venezia Giulia con almeno 6 addetti cercano personale e un’impresa su quattro della percentuale che assume (26,1%) cerca una figura manageriale. E quasi tutte non lo trovano: l’84,8 infatti non ha potuto procedere all’assunzione, non avendo rinvenuto candidati con le competenze necessarie.
Tradotto in numeri concreti, servirebbero allo stadio attuale 177 manager nel FVG; anche ipotizzando un calo del flusso turistico, l’offerta lavorativa si assesterebbe sulle 88 unità minime. Le difficoltà per trovare figure di questo genere danneggiano il fatturato e compromettono la competitività dell’82,4% delle imprese turistiche, frammentando così il tessuto economico del Friuli Venezia Giulia a favore delle vicine Regioni e stati, meglio organizzati. Nel 77,4% dei casi, le imprese colmano la carenza di competenze cercandole all’esterno, nel 35,2% formando il personale esistente. Anche nell’ambito manageriale le competenze linguistiche rimangono in assoluto le più richieste, pari al 47,5%.

La Regione Friuli Venezia Giulia cercherà di reagire a questa lacuna con la creazione a settembre di due percorsi di alta formazione nel settore del turismo, puntando alla ristorazione e all’ospitalità.
È questa l’intenzione espressa ieri dall’assessore regionale all’Istruzione e lavoro Alessia Rosolen al termine dell’incontro con i referenti della Camera di Commercio di Pordenone Udine, Ente camerale della Venezia Giulia e Confcommercio regionale.
L’Amministrazione regionale intende rendere complementare la propria offerta formativa con quella del vicino Veneto, attivando una collaborazione con l’ITS veneto per avviare due percorsi post diploma, uno con sede a Udine orientato alla ristorazione e l’altro con sede a Trieste rivolto all’ospitalità. A tal fine, a settembre, l’assessore incontrerà la collega della Regione Veneto per definire le modalità dell’accordo di collaborazione, con l’auspicio di dare risposte al mercato locale investendo affinché i nuovi formati restino a lavorare sul territorio.

[z.s.]

spot_img
Avatar
Zeno Saracinohttps://www.triesteallnews.it
Giornalista pubblicista. Blog personale: https://zenosaracino.blogspot.com/

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore