18.7 C
Trieste
giovedì, 26 Maggio 2022

Giornata Vittime Terrorismo, Bianchi: “Coscienza civile riparta da scuole”

09.05.2022 – 15:00 – “La conoscenza e la comprensione della storia sono indispensabili per salvaguardare i valori e i fondamenti della nostra democrazia”. Queste le parole pronunciate dal Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, intervenuto questa mattina presso Palazzo Montecitorio, a Roma, dove si è tenuta la Cerimonia di commemorazione del “Giorno della Memoria” dedicato alle vittime del terrorismo. “Per questo la legge che ha istituito la giornata che celebriamo oggi, in occasione dell’anniversario dell’uccisione di Aldo Moro, ha previsto il coinvolgimento delle scuole; studentesse e studenti devono infatti poter conoscere la storia e le vicende delle donne e degli uomini che hanno perso la vita per colpa della violenza cieca e, attraverso di loro, le pagine buie della storia del nostro Paese che non vogliamo si ripetano mai più – ha proseguito il Ministro -. La scuola è il luogo in cui si forma la coscienza civile del nostro Paese”. All’evento, hanno preso parte il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il Presidente della Camera dei deputati, Roberto Fico, e la Presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati. Presenti, inoltre, studentesse e studenti del Liceo musicale “Farnesina” di Roma, dell’Istituto di Istruzione Superiore “Roberto Rossellini” di Roma, del Liceo “Laura Bassi” di Bologna e del Liceo musicale “Empedocle” di Agrigento. Alla cerimonia, poi, in rappresentanza dei caduti delle Forze dell’Ordine, sono intervenuti Mario Calabresi, figlio del commissario Luigi Calabresi ucciso a Milano nel 1972 e Maria Cristina Ammaturo figlia del vice questore Antonio Ammaturo ucciso a Napoli nel 1982. La Polizia ha pagato un altissimo tributo di sangue per gli scontri e i vili attacchi compiuti dai gruppi eversivi che hanno tentato in tutti i modi di minare lo Stato democratico. Sono infatti 62 i poliziotti uccisi dai terroristi, sessantadue vittime, sessantadue storie diverse che raccontano l’estremo sacrificio di agenti caduti nell’esercizio della loro funzione: garantire la sicurezza ai cittadini. Infine, il presidente Mattarella, ha deposto una corona di fiori presso Via Caetani 9, sotto la lapide dedicata ad Aldo Moro. Proprio in questa via, 44 anni fa, il 9 maggio 1978, il cadavere dell’ex Presidente del Consiglio dei Ministri, leader della Democrazia Cristiana, fu ritrovato nel bagagliaio di una Renault 4 rossa. Lo statista, per 55 giorni ostaggio delle Brigate Rosse, era stato sequestrato in Via Fani il 16 marzo.

 

spot_img

Ultime notizie

Dello stesso autore