25.3 C
Trieste
mercoledì, 17 Agosto 2022

Strategie di trading: quale ruolo gioca l’indicatore macd?

07.04.2022 – 11.21 – Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un vero e proprio boom del trading online, ovvero dal netto aumento delle persone che hanno deciso di investire in modo autonomo parte dei propri risparmi. L’aumento degli iscritti e degli utilizzatori delle piattaforme per il trading online ha così reso sempre più attuali e ricercate le strategie di investimento. Una delle più gettonate in questo periodo è quella che prevede l’utilizzo del cosiddetto indicatore macd.
Quest’ultimo nello specifico non è altro che un acronimo che contraddistingue uno strumento che ha lo scopo di aiutare gli investitori ad individuare dei potenziali buoni punti di ingresso o di uscita da un investimento. L’utilizzo del macd è quindi pensato per provare a capire quando è un momento adatto per vendere o per comprare alcuni asset. Sono tantissimi i traders che utilizzano questo strumento, anche se ovviamente occorre sempre ricordare che, come ogni sistema di analisi tecnica, presenta un certo grado di affidabilità ma anche un margine di errore e di imprevedibilità.

Come viene utilizzato l’indicatore macd
Alla base del funzionamento di questo strumento tecnico vi è il trend del prezzo di ogni singolo asset che viene registrato attraverso due medie mobili dette esponenziali. Di conseguenza, l’indicatore macd permette di vedere due linee che oscillano attorno al valore momentaneo di una posizione. La prima linea è quella che si muove più rapidamente in quanto indica la media mobile esponenziale (EMA) composta da 12 periodi, mentre la seconda linea è meno soggetta al movimento (si muova ma più lentamente) perché indica una media esponenziale a 26 periodi.

Nello specifico il macd presenta le seguenti particolarità:

  • Non indica ipercomprato e ipervenduto.
  • Può essere testato.
  • Mostra trend e momentum.
  • Può aiutare ad impostare una strategia.
  • Aiuta a trovare dei crossover.

E’ importante sottolineare che non si tratta di un oscillatore usato per determinare i livelli di ipercomprato o ipervenduto, molto utilizzati da chi fa day trading. Il macd, essendo basato su due medie mobili, si basa invece sulla tendenza che i prezzi di un titolo stanno facendo registrare, ha quindi un’affidabilità maggiormente solida nel medio-lungo periodo. Per utilizzarlo in maniera produttiva, o almeno tentare di farlo, gli investitori cercano di comprendere se l’indicatore segnala una convergenza (le due linee si muovono una nella direzione dell’altra) o una divergenza (le due linee si allontanano tra loro).

Come impostare e utilizzare il macd
Durante la fase di settaggio del macd vengono impostati tre parametri: il 12 che corrisponde alla EMA rapida, il 26 della EMA lenta e il 9 che è il valore della linea di segnale. Dopo aver impostato questi valori per un utilizzatore è possibile provare a conoscere i trend in atto e utilizzarli per determinare un buon punto di ingresso, o di uscita, in un investimento. Sono solitamente molto importanti i crossover, ovvero i punti in cui le due linee si incontrano per poi prendere due direzioni differenti.

I crossover in alcuni casi possono anche produrre dei falsi segnali, soprattutto se il trader sta utilizzando un asset molto volatile, e di conseguenza è sempre consigliabile muoversi con molta cautela nel loro uso. Quando invece la linea del macd si muove nella direzione opposta rispetto a quella dei prezzi, e quindi vi è una divergenza, i trader esperti valutano la possibilità di entrare in un investimento, magari anche incrociando questo dato con altri segnali. Per chi desidera iniziare ad utilizzare questo strumento può essere sicuramente un’ottima idea quella di testarlo prima su un conto demo.

In conclusione è importante sapere che il macd è considerato da moltissimi traders in tutto il mondo come uno degli indicatori più utili. Al tempo stesso però occorre ricordare che per utilizzarlo è necessario avere un certo grado di esperienza e di conseguenza è sempre utile prendere dimestichezza con questo indicatore prima di farne un uso definitivo con denaro reale. Il suo scopo finale è sempre quello di aiutare chi investe a comprendere quando si trova in un buon momento per entrare o per uscire da una posizione.

[network]

 

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore