25 C
Trieste
sabato, 13 Agosto 2022

La Ginnastica Triestina riapre la mostra “Tra il leone e il drago”

10.01.2022 – 07.01 – La mostra “Tra il leone e il drago. La nascita delle arti marziali a Trieste” riapre negli ambienti della Società Ginnastica Triestina venerdì 14 gennaio 2022, dalle ore 15.30-18.30.
La mostra sarà visitabile, fino al 31 marzo, venerdì pomeriggio ore 15.30-18.30 e sabato ore 9-12.
L’accesso è gratuito, previo Super Green Pass (vaccino o certificato di guarigione). Si raccomanda l’utilizzo della mascherina FFPP2. L’accesso alla Ginnastica Triestina avviene da Via Ginnastica n.47, accedendo all’ingresso per le automobili che conduce al parcheggio coperto. La mostra è visitabile al secondo piano, negli ambienti attigui alla segreteria sociale. È possibile visitare, negli stessi orari e con identiche modalità, il Museo della Società Ginnastica Triestina. Il curatore del Museo sportivo Zeno Saracino e il co-curatore della mostra Umberto Fracasso sono a disposizione in questi orari per spiegazioni, visite guidate e consultazioni.

Quando avvenne il primo incontro tra le arti marziali occidentali e quelle orientali?
In altre parole tra il leone della SGT e il drago dell’oriente?
Come fu possibile che proprio la SGT diventasse, negli anni Sessanta del novecento, tra le prime associazioni sportive italiane a praticare il Judo?
Che cosa connette il Bartitsu – la misteriosa arte marziale di Sherlock Holmes – con il moderno Judo?
A queste e altre domande prova a rispondere la mostra “Tra il leone e il drago. La nascita delle arti marziali a Trieste”, inaugurata lo scorso dicembre in SGT.
L’esposizione si propone di indagare la storia delle arti marziali orientali nella Ginnastica: partendo dall’inizio del ‘900 e dalle prime sperimentazioni, a metà tra Judo e lotta greco-romana; proseguendo con il secondo dopoguerra e l’approdo del Judo in SGT; giungendo agli anni del Trofeo Città di Trieste e delle prime, storiche, vittorie triestine.
Senza dimenticare il fascino senza tempo del Kendo, comparato con la scherma occidentale; la “forza” del Karate e la saggezza dell’Aikido: all’insegna di un oriente squisitamente triestino. Tra i reperti in esposizione, provenienti dall’archivio sociale, vi sono spartiti d’inizio ‘900 a tema giapponese, coppe e fotografie di metà secolo, ricche collezioni di medaglie e poster della Trieste che fu.

Fondato il 24 maggio 1972 dai coniugi Viatori, il Museo sportivo della Società Ginnastica
Triestina è tra i più antichi d’Italia. Partendo dalla fondazione nel 1863, il Museo ripercorre la storia della SGT, intrecciando lo sport con la grande storia di Trieste e dell’Italia.
La SGT infatti rimane tutt’oggi la seconda polisportiva più vecchia d’Italia, preceduta solo dalla consorella di Torino. Sottoposto a restauro nell’autunno 2019, il Museo è stato nuovamente riaperto al pubblico e, dal 1 marzo 2021, ha inaugurato la prima di una serie di mostre: “Il Dante ‘Adriacus’: una storia risorgimentale”, con patrocinio del Ministero della Cultura. Un’esposizione che ora cede il passo alla nuova mostra “Tra il leone e il drago”.

[z.s.]

spot_img
Avatar
Zeno Saracinohttps://www.triesteallnews.it
Giornalista pubblicista. Blog personale: https://zenosaracino.blogspot.com/

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore