Bilancio 2022 e Assestamento Ter, giornata piena per la I Commissione

25.11.2021 – 16.30 | La I Commissione ha dato il via libera al disegno di legge 152, contenente le Misure finanziarie multisettoriali urgenti (come l’ha definito l’assessore regionale alle finanze, Barbara Zilli, l’Assestamentino Ter), che porteranno la Regione a stanziare 117,64 milioni di euro. Ad illustrarlo ai consiglieri della commissione, la stessa Zilli, che in precedenza aveva presentato alla commissione anche gli strumenti della Manovra di bilancio 2022, rendendo noto che la Regione avrà a disposizione 265 milioni in più rispetto a quanto avvenuto l’anno scorso.
L’assessore, dinanzi alla commissione presieduta da Alessandro Basso (FdI) ha esordito ponendo l’attenzione sui contenuti della Nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza regionale (Defr) 2022 e dei disegni di legge 149 (Legge collegata alla manovra di bilancio 2022-24), 150 (Legge di stabilità 2022) e 151 (Bilancio di previsione per gli anni 2022-24), informando i consiglieri che, rispetto al 2020, nel 2021 la Regione Friuli Venezia Giulia ha conosciuto un’importante ripresa, con una “crescita del prodotto nel primo semestre pari al 12%“, superiore a quella nazionale stimata dall’Istat intorno al 7%. In aumento, secondo i dati presentati da Zilli, anche la produzione industriale, le esportazioni (+28%), costruzioni, turismo, consumi delle famiglie, mutui e crediti al consumo. Tutti questi miglioramenti hanno prodotto, fa sapere l’assessore, entrate maggiori per la regione, che hanno permesso di avere a disposizione maggiori risorse.
L’assessore ha spiegato che, dei 265 milioni in più a disposizione della Regione, 158 sono già stati allocati e, da oggi all’esame da parte dell’Aula della manovra, ci sarà ancora spazio per intervenire e decidere come utilizzare i restanti 107 milioni. Per quanto riguarda i maggiori stanziamenti, 25 milioni saranno stanziati a finanziamento della nuova legge sulla famiglia, mentre 4 milioni in più andranno a finanziare l’ambiente e 5 milioni in più serviranno a finanziare il settore cultura e sport. 43 milioni spetteranno agli Enti locali per le spese correnti, più altri 10 milioni per il personale non dirigente, 13 milioni per le infrastrutture, 5 milioni alle attività produttive, 3 milioni al settore agroalimentare e 20 milioni alla direzione salute.
Terminata l’illustrazione della manovra di bilancio 2022, che ora passerà alle varie commissioni che dovranno analizzarne le varie parti di propria competenza, la I commissione ha quindi esaminato la manovra di Assestamento, illustrato dalla stessa Zilli, che l’ha definita “un’operazione di fine anno molto robusta”, spiegando la suddivisione delle risorse a disposizione: 50 milioni saranno destinati ai contributi per la prima casa, 24 al fondo rotazione in agricoltura, 28 alla sanità, 3 alle piccole e medie imprese per il rinnovo delle attrezzature, 3 per il fondo di rotazione per le iniziative economiche, 8 milioni per quanto riguarda il settore cultura e sport.
La maggioranza dei consiglieri ha espresso parere favorevole: solo Furio Honsell, di Open Sinistra FVG, ha votato contro, mentre le altre opposizioni si sono astenute. Nel corso della seduta si sono inoltre stabiliti i relatori di maggioranza e opposizione per l’esame da parte del Consiglio Regionale: per la maggioranza, oltre a Basso, esporranno la manovra Mauro di Bert, di Progetto FVG/Autonomia Responsabile e Mauro Bordin della Lega, mentre per le opposizioni parleranno Roberto Cosolini, del Partito Democratico, e Honsell.
E.R.