23.4 C
Trieste
mercoledì, 10 Agosto 2022

Automobili, a Trieste calano le nuove immatricolazioni. Tra “crisi del chip” e attese estenuanti

07.11.2021 – 10:35 – Nel decimo mese del 2021 il mercato dell’automobile italiano ha registrato 101.015 immatricolazioni di nuove auto, il 35,7% in meno rispetto al 2020. Va meglio nel dato cumulato dei primi nove mesi: 1.266.629 nuove vetture contro le 973.403 dello stesso periodo del 2020, con un incremento del +12,7% sull’annata precedente e una flessione del -22% rispetto allo stesso periodo del 2019 (sono quasi 360.000 le unità perse). “Pesano, secondo quanto dichiarato da Giorgio Sina, Capogruppo Regionale “Confcommercio Auto e Moto” ai microfoni RAI, la mancanza di prodotto provocato dalla crisi dei microchip” (quasi integralmente di produzione asiatica) e che, per ottenere le nuove vetture, ha portato i clienti a dover aspettare dai cinque ai nove mesi. Tempi biblici oseremo dire che provocano gravi problemi tanto ai rivenditori quanto ai consumatori. “Il mercato sta funzionando, stiamo lavorando bene con le vendite, ma non abbiamo le macchine da consegnare” – ha concluso Sina. Dinanzi all’idea di dover attendere, talvolta quasi un anno, per la consegna, molti clienti desistono dal cambiare automobile e non la comprano più.

Nella nostra Regione, ad Ottobre, le immatricolazioni auto sono calate a picco rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, in particolar modo in Provincia di Trieste dove si è registrato un sonoro -46%. Nei primi dieci mesi del corrente anno, tuttavia, il numero complessivo di nuove auto messe su strada in Regione è stato superiore rispetto al dato del 2020 con un confortante +7,1%

 

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore