Reati, furti, rapine: quanto è sicura Trieste?

26.10.2021 – 15.10 – Reati, furti, rapine; quanto è sicura la città di Trieste? A fornire un quadro della situazione è la classifica de Il Sole 24 Ore, che fotografa, reato per reato (37 le tipologie in tutto) e provincia per provincia (106 totali), l’indice della criminalità sulla base dei dati forniti dal dipartimento di Pubblica sicurezza del ministero dell’Interno relativi al 2020, rapportando il numero delle segnalazioni relative ai reati commessi con la popolazione residente.
Nella classifica finale – che vede sul podio Milano, Bologna e Rimini – il capoluogo giuliano si posiziona ventesimo, con 7795 denunce in totale (3347,5 ogni 100mila abitanti). “Luci e ombre” emergono ad un primo e complessivo sguardo sul posizionamento di Trieste all’interno delle diverse classifiche per singolo indicatore, dove in alcuni casi spicca (e non è un merito) tra le prime posizioni mentre in altri si ritrova in fondo alla classifica.

Partendo dalle “buone notizie”, la città si classifica ultima, con 0 denunce,  per “omicidi volontari consumati“, voce che registra comunque numeri molto bassi in tutte le province d’Italia e in cui la prima classificata, Caltanissetta, conta in totale 6 denunce (2,3 ogni 100mila abitanti). Ancora più basso – fortunatamente – è a livello nazionale il numero di infanticidi, dove il primo e secondo posto sono ricoperti rispettivamente da Latina e Roma con una denuncia in totale ciascuna; anche in questo caso Trieste registra 0 denunce e si posiziona novantasettesima. Infine, sul dato relativo alle denunce per incendi la città è penultima con 4 denunce in totale (1,7 ogni 100mila abitanti).

Passando alle note dolenti, la città si classifica quinta per truffe e frodi informatiche con 1396 denunce (598,4 ogni 100mila abitanti); prima per denunce per violenze sessuali (48 in totale ovvero 20,4 ogni 100mila abitanti); seconda, dopo Imperia, per lesioni dolose con 341 denunce (146,2 ogni 100mila abitanti); decima per estorsioni e per percosse, con rispettivamente 48 e 71 denunce totali (20,6 e 30,4 ogni 100mila abitanti). Amaro è anche il tredicesimo posto della città relativo alle denunce per sfruttamento della prostituzione e pornografia minorile, con 10 denunce totali (4,3 ogni 100mila abitanti). Ancora, la città è quindicesima con 6 denunce alla voce “tentati omicidi” (2,6 ogni 100mila abitanti) e diciassettesima per omicidi colposi con 9 denunce (3,9 ogni 100mila abitanti). Infine, ottava posizione alla voce “contrabbando“, seppure con un dato relativamente molto basso, ovvero una sola denuncia (0,4 ogni 100mila abitanti) e quarta alla voce “stupefacenti” con 216 denunce in totale (92,6 ogni 100mila abitanti).

Un capitolo a parte riguarda poi le denunce per furto, in cui la città è sessantesima con 1893 denunce (811,5 ogni 100mila abitanti). Nel dettaglio, a seconda delle diverse tipologie e modalità di furto, Trieste è sessantanovesima per furti con strappo (11 denunce in totale, 4,7 ogni 100mila abitanti), ottava per furti di motociclo (118 denunce in totale, 50,6 ogni 100mila abitanti), sessantottesima per furti di auto, (63 denunce in totale ogni 100mila abitanti), trentaduesima per furti di ciclomotore (25 in totale, 10,7 ogni 100mila abitanti), ventisettesima per furti in esercizi commerciali (217 denunce in totali, 93 ogni 100mila abitanti), trentaduesima per “furti con destrezza” (211 denunce in totale, 90,5 ogni 100mila abitanti), ottantatreesima per furti in abitazione, (255 denunce, 109,3 ogni 100mila abitanti), ottantunesima per furti in auto in sosta (111 denunce in totale, 47,6 ogni 100mila abitanti).

Ancora un altro capitolo va poi riservato all’indicatore riguardante le rapine, in cui il capoluogo è trentaquattresimo in classifica con 57 denunce (24,4 ogni 100mila abitanti). Nello specifico, la città è diciannovesima per denunce per rapine in abitazione e in esercizi commerciali (rispettivamente 8 e 14 denunce totali, 3,4 e 6 ogni 100mila abitanti), ventinovesima per “rapine in pubblica via” (30 denunce in totale, 12,9 ogni 100mila abitanti), è poi 101esima, con 0 denunce, per rapine in banca, voce che registra comunque un numero molto basso anche a livello nazionale, con Bologna prima (15 denunce) e Enna seconda (2 denunce). Analogo è il dato sulle rapine negli uffici postali in cui Trieste, anche questa volta con 0 denunce, si posiziona novantanovesima.

Tra gli indicatori rimanenti la città si inserisce più o meno a metà della classifica. È sessantaquattresima per riciclaggio e impiego di denaro, con 4 denunce in totale (1,7 ogni 100mila abitanti); trentanovesima per danneggiamenti (810 denunce in totale, 347,2 ogni 100mila abitanti); cinquantatreesima per delitti informatici (64 denunce in totale, 27,4 ogni 100mila abitanti); quarantaseiesima per minacce (282 denunce in totale, 120,9 ogni 100mila abitanti); trentasettesima per contraffazione di marchi e prodotti industriali (10 denunce in totale, 4,3 ogni 100mila abitanti). Infine la città si classifica trentanovesima per usura e sessantunesima per associazione per delinque con però una sola denuncia in entrambi i casi, (0,4 ogni 100mila abitanti) e novantottesima per associazioni di tipo mafioso con 0 denunce.

[n.p]