Generali, al via il nuovo archivio storico nel “grattacielo rosso”

11.10.2021 – 09.49 – Non solo un archivio “di carte”, ma un museo aziendale, una cronaca di quasi due secoli (190 per l’esattezza), di storia delle Assicurazioni Generali: questo e molto di più è la nuova sede dell’archivio storico del Leone di Trieste, inaugurata nel restaurato Palazzo Berlam, fresco di rosso mattone, lo scorso weekend.
Tra le reliquie societarie più curiose occorre citare quantomeno il fascicolo personale dello scrittore Franz Kafka, con la richiesta di assunzione e il curriculum firmato, la documentazione di Umberto Nobile per la spedizione scientifica al Polo Nord, e l’assicurazione “spaziale” (lunare?) a fianco degli Stati Uniti e della Cina.
Tra le invenzioni curiose, invece, il distributore automatico di polizze, che impressionò largamente la scrittrice Matilde Serao e la prima polizza di assicurazione contro i danni della grandine nel 1836.

L’archivio, tra i più grandi nell’ambito assicurativo, è stato dichiarato bene culturale dal Ministero per la Cultura italiano. Attualmente l’archivio storico raccoglie circa 65.000 unità di descrizione archivistica per 15 chilometri lineari di documentazione, 3.000 volumi di verbali degli organi direttivi, statuti, bilanci e libri contabili riprodotti e consultabili in formato digitale e 3.000 riproduzioni da fotografie sciolte e album fotografici.

[z.s.]