Covid, continua a diffondersi la variante Delta: 45 casi su 47 a Trieste

22.07.2021 – 14.23 – I sequenziamenti ad opera della sinergia di ASUGI e Area Science Park, volti a monitorare la diffusione delle varianti Covid in Friuli Venezia Giulia, conferma una progressiva diffusione della variante Delta (ex indiana). Il vicegovernatore con delega alla Salute Riccardo Riccardi ha informato che “Su 64 sequenziamenti compiuti nel periodo
compreso tra il 5 e il 13 luglio su altrettanti campioni in Friuli Venezia Giulia 58 rispondono alla variante Delta, 4 alla Alfa e 2 ad altre categorie non rilevanti. Su 47 campioni provenienti dal territorio di Trieste ben 45 riguardano persone in cui è stata riscontrata la variante Delta“. Va precisato come si tratti di un campione statistico; non vi sono “solo” 58 casi di variante Delta in Regione, ma la cifra offre un’indicazione in percentuale della diffusione pandemica che vede la variante Delta essere predominante.
Scesa, come durante il tracciamento giornaliero, anche l’età media delle persone con la variante, che ora corrisponde a 35 anni.

“L’evoluzione è coerente con il quadro generale, ci aspettavamo una prevalenza della variante Delta che si sta in effetti confermando anche in Friuli Venezia Giulia – ha commentato Riccardi – siamo consapevoli che l’elevata velocità di trasmissione di questa variante richiede misure di sequenziamento, tracciamento e soprattutto di diffusione della
vaccinazione sempre più importanti”.

[i.v.]