Sanità, Liguori (Citt): “Regione spieghi convenzione ambulanze”

16.06.2021 – 18.00 | “Sono stati convenzionati enti privati per costi pari a 82 euro orari, un’ambulanza con due operatori e un infermiere, contro i 60 euro orari di un’ambulanza aziendale con equipaggio formato da autista soccorritore, operatore socio sanitario e infermiere: perché la Regione ha deciso in questo senso invece di puntare all’internalizzazione del servizio con personale che potrebbe essere utilizzato come supporto all’interno dei Pronto Soccorso?”.

Questo si chiede, in una nota, la consigliera regionale dei Cittadini, Simona Liguori, che ha depositato un’interrogazione sul tema. “Dalle informazioni in nostro possesso, al momento della partecipazione al bando di gara per il potenziamento della rete ospedaliera previsto dal commissario straordinario per l’emergenza non solo non è stata fatta richiesta di un numero di ambulanze adeguato, ma la scelta poi è stata quella di convenzionarsi con privati, con costi evidentemente superiori. Tali scelte vanno spiegate”.

Il bando di gara richiedeva di indicare i fabbisogni delle Aziende sanitarie della regione. “Per AsuFc sono stati quantificati in una sola ambulanza”, ma, da una raccolta di informazioni, “il parco mezzi necessiterebbe viceversa della sostituzione di almeno dieci ambulanze, mezzi che hanno un’elevata anzianità di servizio e una cospicua percorrenza chilometrica; nei presidi ospedalieri di Tolmezzo, Palmanova e Latisana ci sono mezzi che hanno superato i 200.000 chilometri e ad alcuni di questi sono stati sostituiti i motori con ingenti spese di denaro”, conclude Liguori.
C.S. Simona Liguori (Cittadini)