20.6 C
Trieste
venerdì, 30 Settembre 2022

Salute, Liguori (Citt): “Regione in silenzio su rimborso medicinali a base cannabis”

28.05.2021 – 16.00 | “Quando si parla di medicinali a base di cannabinoidi per finalità terapeutiche e dei numerosi malati che, ogni giorno, ne usufruiscono per alleviare il dolore e continuare a combattere per la propria vita, la Regione Fvg resta inspiegabilmente in silenzio. Da mesi è stata avanzata invano una richiesta all’assessore Riccardo Riccardi, affinché estenda la rimborsabilità anche all’olio di cannabis, provvedimento che aiuterebbe i malati in un periodo già difficile come quello che tutti stiamo vivendo. Nulla, però, si è mosso, nonostante l’impegno e le sollecitazioni giunte da svariate parti”.

Lo rimarca in una nota la consigliera regionale Simona Liguori (Cittadini), aggiungendo che “le occasioni per intervenire non sono comunque mancate”, dopo aver preso parte “al flash mob organizzato a Udine, davanti al palazzo della Regione di via Sabbadini, dall’associazione Tutela diritti del malato, unitamente ad altri sodalizi”.

“Il 15 marzo 2019 avevo depositato una mozione sul tema ma, per quel documento, non è ancora iniziato l’esame. Il 6 febbraio 2020 – aggiunge l’esponente civica – 3.384 cittadini residenti in Friuli Venezia Giulia (supportati da una serie di realtà fra le quali Associazione Tutela diritti del malato, Uildm di Udine, Associazione Tetra-Paraplegici del Fvg, Banca del Tempo e Cfu-Italia, sezione del Fvg) hanno presentato in Regione una petizione popolare per un’analoga richiesta. La petizione è stata assegnata alla III Commissione consiliare ma oggi, a distanza di oltre un anno, è riuscita solo a ottenere l’audizione di Massimo Tamburlini, primo firmatario del documento”.

“Il 2 luglio 2020, attraverso un’interrogazione a risposta immediata, ho portato all’attenzione dell’Aula il tema specifico, ricevendo dall’assessore Riccardi – dettaglia ancora Liguori – rassicurazioni rispetto al fatto che erano in atto le valutazioni da parte degli uffici regionali competenti. Il risultato è arrivato il 30 aprile scorso, in occasione dell’approvazione della Legge regionale multisettoriale 2021, quando è stato bocciato dalla maggioranza di centrodestra un mio emendamento per lo stanziamento di 50mila euro l’anno che aveva l’obiettivo di ridurre il costo a carico dei pazienti per l’acquisto dell’olio di cannabis a uso terapeutico”.

“La Regione, evidentemente, non ritiene importante – prosegue la nota dei Cittadini – quella che non solo è una legittima richiesta, ma anche una soluzione di buonsenso. A oggi, infatti viene rimborsata solo la forma farmaceutica in cartine per il decotto o la vaporizzazione, modalità che hanno una resa terapeutica minore rispetto a quella assicurata dall’olio, ritenuto migliore per la comodità dell’assunzione e per la precisione del dosaggio”.

“Se, dal punto di vista normativo, il tema è disciplinato da una legge regionale del 2013, poi modificata nel 2016, anche tramite gli indirizzi applicativi sull’uso dei medicinali a base di cannabinoidi a carico del Ssr – conclude Liguori – sarebbe importante che venissero superati gli ostacoli, affinché i malati, anche in Friuli Venezia Giulia, non paghino queste
terapie di tasca propria”.
C.S.

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore