Briciole di un calcio al virus!

22.04.2021 – 13.00 – Ci voleva lo sport “nazionalpopolare” per antonomasia per scalzare il virus dalle prime pagine dei quotidiani e dai servizi d’apertura dei TG! E allora…viva il calcio!!!
L’ipotesi, che all’inizio sembrava fondatissima, di una Superlega con le squadre europee più forti e danarose ha mandato nel panico tutti, più del propagarsi della pandemia. Dopo le prime scene d’isterismo, con minacce più o meno insensate tra i contendenti e scene da dichiarazione di guerra da ogni pulpito o balcone, già ci si avvia verso il solito “tarallucci e vino” !
Credo che alla fine, dopo le prime defezioni e perplessità, il tutto sarà relegato alla voce provocazione. Qualcuno ha voluto far capire che il giocattolo si stava rompendo e che anche il calcio sarebbe entrato nel lungo elenco dei fallimenti del post pandemia, se mai ce ne sarà uno!

D’altronde tutti, o quasi, si sono dimostrati contrari alla cosa, tifosi in primis. Quindi visto che solo al governo non frega niente delle opinioni altrui, credo che in questo caso le rimostranze saranno tenute nella dovuta considerazione. La reazione iniziale degli enti preposti, FIFA e UEFA in testa, era stata pacata. Più o meno come quella degli amministratori di un gruppo Facebook, quando qualcuno ha un’opinione diversa dalla loro, oppure come quella della piattaforma Rousseau contro un qualsiasi dissidente M5S, che osasse dire la congiunzione “ma”! Quindi espulsione immediata da tutto, persino dai tornei di calcetto dell’oratorio per le squadre scissioniste. Non so quanti di voi conoscano la vicenda? So che in tanti odiano o ignorano le vicende calcistiche. Per essere chiari, si può riassumere il tutto con il paragone di uno che lascia il PD per fondare Italia Viva! L’idea è partita da Madrid e ha raccolto subito le adesioni di imprenditori americani e cinesi e di sceicchi arabi, proprietari di alcune grandi squadre europee.

Ma vorrei concentrarmi sulle tre italiane che hanno fatto il grande passo e che, come in ogni guerra passata che si rispetti, si sono aggregate al più forte, e ora sono nel panico quando i buoi scappano. No…la Triestina non c’è!

  • La Juventus: si preannunciava una stagione deludente, un allenatore nuovo ed inesperto, che a volte prendeva decisioni consone al suo nome, declinato al femminile. E invece al primo tentativo centra la qualificazione alla Superlega! Un successone!!! grande Pirlo!!!
  • Il Milan: qua il tifoso rossonero, quale io sono, ha un colpo al cuore. Nonostante la stagione positiva, in senso calcistico…non virulento, la squadra fa una fatica boia a portare a casa una qualsiasi vittoria, persino le ultime con Parma e Genoa sono state un supplizio, come potrebbe ambire a competere con Real, Barcellona, Manchester e compagnia cantante? Il suo bilancio al momento permetterebbe a stento l’acquisto di un nuovo magazziniere. Vabbè, saranno manie di protagonismo o nostalgie dei tempi andati. Se il torneo fantasy avesse come scopo arrivare sempre ultimi…sarebbe un trionfo!!!
  • L’Inter: è durissima essere tifosi milanisti, ma anche i cugini non scherzano. Dopo anni di delusioni e sconfitte, quest’anno potevano vincere in assoluto relax, persino giocando in infradito, e cosa combina la dirigenza secessionista? E ora? Magari li buttano fuori dal campionato, e devono aspettare altri dieci anni per lo scudetto!!!
    Vabbè! Tutto sembra incerto, credo alla fine si rivelerà la solita bolla di sapone, al pari delle promesse di governo su ristori e riaperture. Però saremo sempre grati a questi club incoscienti per averci dato un giorno di tregua dai bollettini pandemici! Calcio 1 – Virus 0 palla al centro! Anche se mi sa che sta già rimontando nel secondo tempo!

[m.l]