8.4 C
Trieste
giovedì, 1 Dicembre 2022

A Trieste sbarca la Pro Recco dei campioni

26.03.2021 – Nuovo appuntamento con la pallanuoto per Trieste, dopo il pareggio degli alabardati di due settimane fa in casa del Posillipo. La sfida che attende la Pallanuoto Trieste domani (sabato 27 marzo) alla “Bruno Bianchi” è di quelle impossibili, visto che a far visita nel capoluogo giuliano sarà la stellare Pro Recco dei fuoriclasse. L’incontro, valido per il terzo turno del girone E, avrà inizio alle 14,30, e sarà arbitrato da Romolini e Fusco. Poco dopo, alle 15, si disputerà l’altro incontro del girone, tra Telimar Palermo e Posillipo, che contendono agli alabardati il secondo posto nel girone.

Non ha bisogno di presentazioni, la società del presidente Volpi, che negli ultimi anni ha battuto un record dopo l’altro e che quest’anno non pare intenzionata a smettere, avendo vinto tutti gli incontri fin qui disputati in stagione. Allenati dall’ex ct spagnolo Hernandez, i liguri occupano il primo posto nel gruppo E, a punteggio pieno e sono i grandissimi favoriti nella corsa scudetto. Contro la Pallanuoto Trieste, la Pro Recco si presenterà con fuoriclasse quali Bijac, Ivovic, Presciutti, Di Fulvio, Figari, Mandic, Echenique, Figlioli, Lungo, Velotto e il rientrante Aicardi. Un roster zeppo di stelle, quello della società ligure.

Lo sa bene la Pallanuoto Trieste che, pur consapevole di non avere possibilità di portare a casa un risultato diverso dalla sconfitta contro la Pro Recco (a meno di clamorose congiunture astrali) si sta allenando al massimo in attesa dell’impegno di domani: “Ci stiamo allenando forte – spiega l’allenatore alabardato Daniele Bettini – sia dal punto di vista fisico sia mentale.”. La Pallanuoto Trieste è reduce da due risultati amari nelle prime due uscite: “Non abbiamo ancora digerito la sconfitta con il Palermo e il pareggio con il Posillipo ci ha comunque lasciato l’amaro in bocca. Non vediamo l’ora di riscattarci.”. Naturalmente, il riscatto di Trieste difficilmente passerà attraverso la partita contro la Pro Recco: “Adesso però ci troviamo davanti un avversario che va oltre le nostre possibilità.”.

Al di là dei risultati, la Pallanuoto Trieste ha mostrato dei progressi nelle ultime uscite sul piano del gioco e dell’atteggiamento: “Siamo in costante miglioramento, l’intesa tra di noi cresce, con il Recco cercheremo comunque di costruire gioco, di dettare il ritmo per quanto possibile e soprattutto di restare concentrati per tutti i 32’.”. La chiave è una sola: contro la Pro Recco bisognerà mantenere la concentrazione per tutta la partita, per non subire l’imbarcata: “Niente cali di tensione, o si rischia di venire travolti.”. Giocherà un giovane: nei tredici ci sarà infatti anche il classe 2002 Domenico Rigoni, al debutto assoluto tra i grandi.

 

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore